Il nuovo amministratore delegato di Tim, Amos Genish si ritrova in un periodo di forte cambiamento ma anche di alcune complicazioni che potrebbero derivare dalla faccenda, tutt’altro che risolta, dell’affaire Tim-Vivendi. Per ora il Governo italiano ha concesso del tempo all’azienda per chiarire la posizione di controllo esercitata da Vivendi. Ma il pericolo sanzioni e Golden Power è dietro l’ angolo.

Nuovo Ad di Tim
Ecco Amos Genish, nuovo AD di TIM e uomo di fiducia dei francesi di Vivendi. Guiderà la transizione verso la nuova, moderna, multimediale, Telecom Italia. E si occuperà della nascita della Canal+ italiana.

Le intenzioni di Genish sembrano molto chiare: portare avanti e sviluppare per TIM sempre di più la convergenza tra contenuti, piattaforme e distribuzione, un ruolo a lui congeniale portato avanti anche in Vivendi. Cosi come dichiarato da lui stesso:

Il nostro obiettivo è trasformare TIM in una vera Digital Telco. Il nostro programma DigiTIM si basa su alcuni principi fondamentali che si concentrano sull’offerta di una customer experience superiore, facendo leva sulla digitalizzazione per migliorare l’interfaccia con i nostri clienti; smart analytics ottenute attraverso big data per personalizzare i nostri prodotti e servizi.

TIM nel mercato dei contenuti con Canal+ Italia

Intanto è stata approvata in sede di Consiglio la creazione di una joint venture con Canal+, che permetterà a TIM di avere accesso a nuovi contenuti e un know-how di livello internazionale sul fronte pay. La joint venture si occuperà di produzioni e co-produzioni, sia italiane che internazionali, nonché dell’acquisizione di diritti, anche sportivi. Il nuovo soggetto, potrebbe entrare non troppo a sorpresa nella prossima asta per i diritti di trasmissione della Serie A di calcio.

Chi è Amos Genish

Amos Genish ha una certa esperienza nel campo delle telecomunicazioni per aver guidato in Brasile la GVT. Genish ha portato la GVT  ad essere in breve tempo il principale operatore nella banda ultralarga del Paese.

Importanti le esperienze maturate anche negli Stati Uniti. Mercati in tutti i modi profondamente diversi da quelli europei.

E’ stato ceo della compagnia telefonica brasiliana Vivo che offre servizi integrati di telefonia fissa, mobile e intrattenimento. Fino alla scorsa estate invece è stato Chief Convergence Officer in Vivendi sviluppando nuove convergenze tra contenuti, piattaforme e distribuzione.

E’ considerato uomo di fiducia dei francesi in Telecom Italia.

Genish ha 57 anni ed è sposato in seconde nozze con l’avvocato 34enne Heloísa Becker, ha creato un colosso con 18mila dipendenti, turnover annuale di 2,5 miliardi, con sedi in 156 città del Brasile.

Genish ha quattro figli: la piccola Olívia e i tre nati dalle prime nozze, Lee, 30 anni, Shir 27 e Orr, 22. Guarda le offerte per passare a TIM oggi

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here