Stranezze del web. Vi ricordate il gestore virtuale Bip Mobile? Fu il più grande flop delle telecomunicazioni italiane. Partito in pompa magna con alla guida l’ esperto Fabrizio Bona, si proponeva come il gestore low cost italiano. Ora sembra riapparire, almeno sul web.

Bip Mobile torna online
Bip Mobile. Strani avvistamenti sul web. Perché il sito è tornato online?

Le tariffe all’ esordio furono una grande delusione ma comunque, grazie anche alla massiccia campagna pubblicitaria sulle reti Mediaset il gestore (mvno) riuscì comunque a conquistare poco più di centomila clienti in pochi mesi d’ attività.

Poi ci fu la scomparsa definitiva, gestita nel peggiore dei modi. Bip come detto era un operatore virtuale e per offrire i propri servizi si serviva di un enabler che a sua volta comprava il traffico da 3 Italia, rete sfruttata dall’ operatore.

Succede che all’ improvviso le linee dei clienti vengono staccate. Proprio sotto le festività natalizie. Ed esce fuori una storia grottesca di bollette non pagate da Bip, conti in rosso e un Amministratore Delegato, Bona, di comprovata esperienza, che zitto zitto aveva abbandonato la nave che affondava.

La debacle di Bip Mobile ha fatto molte vittime. Tra i propri clienti (alla fine intervenne l’ AGCOM a garantire la possibilità di portabilità verso altri gestori mobili) ma anche nell’ intero comparto degli mvno italiani, verso i quali si sono iniziati a nutrite dubbi circa l’ affidabilità. A proposito: ma gli mvno italiani sono affidabili?

Il sito Bip Mobile torna online?

Alle tante stranezze che hanno riguardato la gestione dell’ azienda Bip Mobile si aggiunge a distanza di molto tempo anche quella riguardante il sito web. Cercando su Google Bip Mobile, appare di nuovo online il sito della vecchia compagnia, completo di tariffe e store per acquistare sim e telefoni. Tutto funzionante.

Una stranezza che ci ha segnalato un nostro lettore e che si aggiunge ai misteri di quella che è stata la più fallimentare compagnia telefonica mobile del nostro Paese.

Una riesumazione del vecchio progetto? Vogliamo sperare che a nessuno sia venuta in mente questa stramba idea…

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here