Periodo difficile per Wind Tre. E per i suoi clienti. Che qualcosa non va lo si è capito da tanti segnali. Primo fra tutti, l’ allontanamento, probabilmente non proprio volontario, di quello che era l’ osannato amministrato delegato Maximo Ibarra. Sul tavolo del nuovo AD le esternalizzazioni del call center, le lamentele dei clienti per le troppe rimodulazioni. Ma soprattuto, la rete, che non va. Almeno stando alle testimonianze che tanti follower lasciano sulla nostra pagina Facebook. Ecco perché il roaming Wind sta diventando un gran casino.

Wind Tre tutti scontenti
Wind Tre. Tutti scontenti dopo la fusione? Il perenne roaming con Wind e la beffa del 4G. La redazione di UpGo.news riassume la situazione dei clienti del nuovo mega gestore.

Non solo la nostra pagina Facebook. Basta andare sui canali social di 3 per accorgersi che sono diventati un vero muro del pianto. Numerosi clienti protestano per i rincari delle tariffe, per l’ abbandono di un vero e normale piano a consumo ma tanti, veramente tanti, lamentano una rete 3 che sembra in un paio di mesi quasi scomparsa. O comunque, in via di dismissione.

3 copre meno di prima? Facciamo ordine. Perché per capire cosa sta succedendo bisogna comprendere bene i passaggi che necessariamente Wind Tre spa si trova a dover compiere. Prima di tutto, appare chiaro che la rete 3 sia oggetto di parziale dismissione. Visto che alcune antenne andranno cedute alla nuova compagnia Iliad e visto che le altre, andranno riconvertite con il segnale Wind, è evidente che il roaming con la rete sorella non è solo un supporto nelle aree non coperte ma costituirà a breve la vera e propria rete di casa. L’ unica sopravvissuta in questo discusso e complicato matrimonio.

Avevamo già parlato della gestione della priorità del roaming Wind. A quanto pare le sim 3 gestiscono il nuovo roaming Wind molto diversamente da come facevano con TIM. La rete arancione sembra essere spesso preferita a discapito di quella nativa.

SPECIALE: WIND TRE CAMBIA TUTTO. NUOVA STRATEGIA AI VERTICI?

Ne consegue che oggi la rete Wind si è caricata di un numero di clienti forse maggiore rispetto alle proprie capacità. Questo ovviamente non si avverte tanto nella telefonia tradizionale (chiamate e sms) quando nella connessione internet. Molto più lenta di prima, almeno a quanto dicono i clienti.

In roaming Wind i clienti 3 viaggiano molto più lenti

In roaming su Wind, i clienti di 3 stanno sperimentando un peggioramento netto delle prestazioni. La rete 3 ha sempre avuto la forte lacuna della copertura del territorio ma in termini di velocità, è sempre stata ottima. Oggi, con Wind, i clienti ex H3G hanno dovuto traslocare su un network più esteso ma davvero poco efficiente. Ovviamente la situazione non è globale, perché in molti continuano ad usare il network 3 esattamente come prima. Ma sono sempre più numerosi i casi di smartphone fissi sulla rete arancio, anche in presenza di segnale 3. E la cosa è ancora più frustrante per chi ha attiva l’ opzione LTE.

I problemi con il 4G per gli utenti 3 Italia

L’ opzione 4G è tornata da tempo a pagamento con 3. Una politica molto discussa e che oggi appare ancora meno trasparente visto che i telefoni con sim 3 tendono ad agganciare sempre più spesso la rete Wind che per ora non permette l’ utilizzo del 4G. Una beffa che sulla carta terminerà quest’ estate, quando ai clienti 3 sarà aperto anche il 4G della rete sorella che però, come è noto è molto limitato e non paragonabile al 4G offerto da 3.

Insomma, nonostante i buoni propositi iniziali, dal punto di vista del network, questa fusione è sembrata più un’ incorporazione di 3 in Wind. Così che all’ improvviso, le sim dei clienti H3G sembrano quelle di un mezzo virtuale, in perenne roaming su una rete satura e sulla quale ZTE non ha evidentemente ancora messo per bene le mani. E’ probabile che seguiranno altri mesi di poco gradite sperimentazioni.

Ovviamente anche i clienti di Wind non ridono visto che non possono attualmente beneficiare delle antenne di 3 ma si ritrovano comunque una rete tendenzialmente più satura. Insomma, a quanto pare, i benefici del matrimonio del secolo sono ancora tutti da vedere, almeno per quanto riguarda il fronte dei consumatori italiani.

Noi di UpGo.news, come sempre, continueremo a dare voce ai problemi degli utilizzatori e a segnalarvi tutte le novità su questo lungo e complicato processo di integrazione.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here