Home » Ambienti digitali » Da WhatsApp si potrà scrivere a Telegram

Da WhatsApp si potrà scrivere a Telegram

Da WhatsApp sarà possibile scrivere ad un amico che ha Telegram. WhatsApp, l’app di messaggistica più popolare al mondo, sta per cambiare radicalmente. Grazie al Digital Markets Act (DMA), una nuova legislazione europea, la piattaforma si sta preparando a integrare servizi di terze parti. Ecco qualche dettaglio in più. Se volete restare aggiornati sui nostri contenuti iscrivetevi al canale Telegram e inserite il nostro blog tra i preferiti su Google News.

Il Digital Markets Act (DMA) e l’interoperabilità

Il DMA è una legislazione europea progettata per regolamentare i cosiddetti “gatekeeper” digitali, ovvero le grandi piattaforme online che dominano il mercato. Questa legge impone a queste piattaforme di diventare interoperabili con servizi di terze parti. In parole povere, significa che WhatsApp dovrà permettere agli utenti di ricevere e inviare messaggi da altre app di messaggistica. È un cambiamento epocale che potrebbe ridefinire come comunicano oltre due miliardi di persone in tutto il mondo.

Leggi anche: come si fa a scaricare Temu

Leggi anche: come trovare errori di prezzo su Amazon

WhatsApp cambia strategia

Fino ad ora, WhatsApp è stata una fortezza impenetrabile. Le chat erano isolate, e l’idea di poter comunicare con utenti di altre piattaforme sembrava un miraggio. Ma ora, la nuova versione beta dell’app introduce una funzione chiamata “Chat di terze parti”, segno inequivocabile di un cambio di direzione. Sebbene la funzione non sia ancora attiva, è chiaro che gli sviluppatori stanno lavorando per implementarla. E il tempo stringe: perché hanno a disposizione solo sei mesi per conformarsi al DMA.

Implicazioni tecniche

Uno degli aspetti più delicati di questo cambiamento riguarda la crittografia end-to-end, una delle colonne portanti della sicurezza su WhatsApp. Come sarà possibile mantenere questo livello di sicurezza quando i messaggi passeranno attraverso diverse piattaforme? Alcune soluzioni proposte includono l’uso di gateway speciali che fungono da intermediari o l’introduzione di nuove API (dei software che funzionano come intermedari) per facilitare l’integrazione. Ma queste opzioni sollevano ulteriori domande sulla privacy e la sicurezza dei dati degli utenti.

Cosa cambia per gli utenti

Per gli utenti, l’interoperabilità potrebbe aprire le porte ad un modo di comunicare completamente nuovo. Immaginate di poter inviare un messaggio da WhatsApp a un amico che usa Signal o Telegram, senza dover saltare da un’app all’altra. Ma c’è un rovescio della medaglia: come sarà gestita la sicurezza? Gli utenti avranno la possibilità di disabilitare questa funzione se non desiderano ricevere messaggi da altre piattaforme? Questi sono dettagli cruciali che devono ancora essere chiariti.

Oltre alle implicazioni immediate, ci sono domande più ampie che riguardano il futuro della messaggistica online. Ad esempio, come reagiranno altre piattaforme di messaggistica a questo cambiamento? E quali saranno le implicazioni per Meta, la casa madre di WhatsApp? Il DMA potrebbe anche spianare la strada a nuovi concorrenti nel mercato della messaggistica, cambiando le dinamiche di un settore già molto competitivo.

Conclusioni

L’apertura di WhatsApp ai servizi di terze parti è più di una semplice aggiunta di una nuova funzione; è un cambio di paradigma che potrebbe avere ripercussioni su tutto il settore della messaggistica online. Con questo servizio ancora in una fase sperimentale, e il recente lancio parziale dei Canali, WhatsApp sta spingendo l’acceleratore. Speriamo però che, con tutta questa carne al fuoco, WhatsApp riesca a gestire queste innovazioni nel migliore dei modi. Mentre attendiamo ulteriori dettagli, una cosa è certa: il modo in cui comunichiamo sta per cambiare, e vale la pena rimanere aggiornati su queste tematiche in continua evoluzione.

Come sempre aspettiamo le vostre opinioni. Che ne pensate di questa funzionalità? Usate il box dei commenti qui sotto o unitevi alla discussione su Telegram.


Foto dell'autore
Simone Pifferi. Copywriter freelance, può scrivere su tutto ma le sue passioni riguardano la comunicazione, il web marketing, il settore telco e l'editoria. Dopo la formazione umanistica si appassiona alla SEO, al web design e allo sviluppo di siti web. Attualmente collabora come copywriter con diverse web agency e blog di settore. Simone Pifferi su Linkedin

5 commenti su “Da WhatsApp si potrà scrivere a Telegram”

    • Concordo pienamente ????????????. Fin dagli esordi Telegram è stato e continua ad essere anni luce avanti rispetto a prodotti quali signal o whatsapp

      Rispondi
  1. Io non sono per nulla contenta di queste opzioni,se volevo altre app le scaricavo prima,se ho scelto WhatsApp è perché mi sentivo protetta e al sicuro dal non ricevere messaggi da INTRUSI!! E non mi piacciono i canali introdotti!! Inutili a mio parere,era mooolto meglio prima.

    Rispondi

Lascia un commento