Walt Disney ha scaricato Netflix. Un amore appassionante però veramente fugace tra i due colossi. Solo pochi mesi fa si parlava di una possibile mega operazione di fusione / acquisizione. Ieri Disney ha invece annunciato la fine della distribuzione dei suoi prodotti sullo streaming di Netflix. A partire però dal 2019. Crollano in borsa entrambi i titoli.

Netflix addio a Disney
Cartoni e film Disney lasceranno la piattaforma Netflix entro il 2019. Niente rinnovo e quindi niente matrimonio. Disney farà da sé lanciando piattaforme alternative a Netflix.

Non solo fine di una partnership che sembrava secondo gli analisti dover trasformarsi in un solido matrimonio. ABC, la società che controlla Disney, entrerà in diretta concorrenza con la piattaforma Netflix. Tra il 2018 e il 2019 lancerà infatti due diversi over the top, basati su mini abbonamenti mensili e probabilmente su scala mondiale.

Uno dedicato allo sport, con il brand ESPN, in Italia non molto conosciuto ma che ha diverse declinazioni a livello globale e una seconda piattaforma ricca dei cartoni Disney ma anche di film e serie, dedicate ad un pubblico più adulto.

Insomma, lo scontro con Netflix in quel momento diventerà diretto.

Il Financial Times analizza con positività l’ operazione, nonostante le prestazioni negative dei due titoli in queste ore. Secondo gli esperti della rivista economica, nei prossimi anni si assisterà ad un abbandono massiccio nel mercato americano del sistema di tv via cavo, da noi da sempre inesistente.

Probabilmente anche qui in Italia, vedremo l’ inesorabile declino di digitale terrestre e satellite in favore delle tv online.

Per questo il rischio apparente di affollamento in realtà non c’ è perché tutto il pubblico mondiale imparere a guardare show, film e serie su Netflix, Amazon Prime Video e sui nuovi prossimi player, la tv di Disney e la prossima Facebook Tv. Leggi tutte le notizie su Netflix.