Che cosa è Emui? A cosa serve e come cambia Android con Emui? Ecco la guida di UpGo.news alle principali funzionalità di EMUI, la personalizzazione di Huawei sul sistema operativo Android.

Emui di Huawei
Le novità dell’ EMUI 5. Il biglietto da visita con cui Huawei punta a diventare il marchio numero 1 nella produzione di smartphone su scala mondiale.

Oramai è assodato che tra le aziende top nella produzione di smartphone mondiali c’è anche e sempre più forte, il brand Huawei che in pochissimo tempo ha scalato la vetta dei top vendor, posizionandosi al terzo posto e sedendosi affianco ai giganti Apple e Samsung. Le mire di Huawei per il futuro sono molto ambiziose. E tutto passa anche per il software Emui. Ma che cos’ è Emui 5 e quali importanti novità introduce?

L’ azienda cinese ha apertamente dichiarato infatti di puntare al primo posto assoluto entro cinque anni. Per realizzare concretamente questo obbiettivo però il marchio deve continuare ad investire, non solo migliorando sempre più la struttura hardware dei propri dispositivi, ma anche potenziando la propria piattaforma software. Di recente abbiamo potuto apprezzare infatti le qualità dell’ ultima EMUI 5.1 disponibile nativamente, ad esempio, sui suoi nuovi top di gamma come P10 e P10 Plus.

Le novità introdotte con la EMUI 5,1 sono essenzialmente tre: Ultra Memory, Ultra Response e Highlights. Le prime due sono un ulteriore passo avanti nella gestione intelligente del risparmio energetico come in parte già sperimentato con la versione la 5.0. Tecnologia che garantisce un utilizzo ottimale dell’ intero hardware. Non solo della batteria, ma anche del processore e della ram, svolgendo il tutto offline.

Ultra Memory in particolare è rivolto a migliorare la gestione della RAM grazie ad una nuova tecnologia di machine learning, un algoritmo intelligente in grado di assegnare a ciascuna app le risorse necessarie, analizzando la frequenza di utilizzo da parte dell’ utente. UM è quindi in grado di accelerare il lancio e la ripresa dal multi-tasking delle applicazioni mantenendo in memoria solo quelle importanti.

In passato la gestione di risparmio energetico risultava limitante con la chiusura automatica delle app in background. Per evitare un eccessivo consumo della batteria si provocava l’ effetto di annullare la ricezione delle notifiche delle app terminate. Ora con la nuova EMUI 5.1 il software riesce a capire quali app devono essere chiuse in background e quali no.

La reattività del touchscreen è migliorata dall’ Ultra Response, che grazie all’ aggiunta di un nuovo driver rende più veloce il pannello touchscreen diminuendo i tempi di latenza.

Infine Highlights è un’ opzione che indicizza le foto automaticamente ordinandole per luogo e persone all’ interno della galleria. Si possono anche costruire clip video con i momenti più belli, utilizzando proprio i diversi ordini assegnati dal sistema operativo. Altri miglioramenti sono stati infine apportati per l’applicazione calendario, la condivisione e gli sfondi.

Emui è installato in maniera nativa sui modelli più recenti di Huawei. Generalmente, nei mesi successivi all’ uscita della nuova versione Emui, si procede all’ update dei precedenti modelli della casa. Sempre in linea generale, vengono aggiornati modelli usciti almeno nei due anni precedenti.

Le caratteristiche principali di EMUI

Abbiamo già avuto modo di parlare di Huawei, il colosso cinese della telefonia mobile che sta continuando sempre di più a conquistare l’Europa e soprattutto l’Italia, questo grazie anche a diversi device immessi sul mercato con ottime strategie di vendita, spesso con prezzi molto concorrenziali senza però quasi mai tralasciare una certa attenzione alla qualità e alle prestazioni degli smartphone.

Tutti i principali telefoni Huawei si basano sul sistema operativo Android modificato però con l’interfaccia EMUI (Emotion UI) di proprietà Huawei. Questa interfaccia però non è solo un cambiamento di tipo grafico rispetto a come siamo abituati a vedere di solito sugli smartphone Android, ma comporta anche l’aggiunta di nuove opzioni che arricchiscono da un lato il famoso sistema e lo alleggeriscono dall’altro.

Su Huawei P9 è caricato Android 6 Marshmallow con interfaccia EMUI con queste peculiari diversità e caratteristiche, su tutte in alcune funzionalità si avvicina all’iOS di Apple per smartphone.

Tutte le app direttamente nella schermata iniziale

Si parte proprio dalla schermata iniziale dello smartphone, che è poi quella che impatta per prima quando accendiamo uno smartphone appena acquistato, proprio da qui partono le novità introdotte con l’interfaccia EMUI di Huawei. Tutte le app ci appaiono dunque tutte insieme raggruppate a schermo con la possibilità di organizzarle in varie cartelle. Inoltre abbiamo subito a disposizione anche altre personalizzazioni, per il tema grafico e gli effetti di transizione.

A disposizione anche diversi sfondi HD, quindi in alta qualità denominati Copertine, lo sfondo poi cambia ogni volta che si riaccende lo schermo del device. Altra novità molto importante, a cui ormai siamo un pò tutti abituati ma se ci pensiamo non solo fastidiosa ma ci occupa anche molto spazio nella memoria del nostro telefono: parliamo delle irrinunciabili app già precaricate sul sistema operativo Android, app che ovviamente non possiamo rimuovere, al massimo solo disattivare.

Quante volte ci avete provato, accorgendovi che molte di queste app neanche le utilizzate? Sugli smartphone Huawei questo non accade, con notevole risparmio di energia della batteriae di spazio di storage.

Emui e la modalità tascabile

Un’altra caratteristiche aggiunta grazie a EMUI è la Modalità Tascabile, in questo caso lo smartphone o meglio il sistema riconosce automaticamente quando il device si trova nella nostra tasca e all’arrivo di una chiamata alzerà il volume automaticamente, un’ottima soluzione per tutti i malati di Nomofobia.

Emui di Huawei e la privacy

Un’altra funzione molto importante e molto utile è quella che preserva molto di più la nostra privacy sul telefono. La maggior parte delle volte infatti il nostro smartphone è praticamente alla portata di chiunque voglia dare uno sguardo al nostro telefono e imbattersi in foto, contatti telefonici privati, che possiamo dimenticare di nascondere in altri modi o rimuovere, in taluni casi ci tocca ricorrere a determinate app esterne per poter provvedere.

Con EMUI ci sono delle opzioni aggiuntive per la privacy, nelle Impostazioni Sicurezza del telefono dove è possibile impostare due password diverse: una personale e una per Ospiti. Inoltre nella Gestione telefono è possibile trovare uno strumento per bloccare l’apertura di alcune app con password. Funzionalità molto comode.

Solo solo alcune funzionalità aggiuntive che Emui è in grado di dare al sistema operativo Android. Le migliorie di Android base che, secondo i piani dei cinesi di Huawei, aiuteranno il gruppo a conquistare il primato mondiale nella vendita di smartphone.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here