Continua il processo di espansione da parte di Facebook che come una vera e propria macchina da guerra del digital mira a consolidarsi non solo economicamente ma anche a diventare una vera e propria suite irrinunciabile per la maggior parte degli utenti globali. Nei suoi obiettivi è chiaro l’intento di diventare non solo un social network ma un luogo dove poter trovare tutto. Alternativo, sicuramente, a Google. Ormai vero nemico numero uno.

Facebook si prende Fyteq
Facebook si prende la tedesca Fyteq. Una nuova acquisizione ed una strategia a lungo termine sempre più incentrata sui video. E per la prima volta Google sembra in difficoltà rispetto a Facebook.

Dopo aver acquisito Whatsapp, Instagram, aver lanciato la piattaforma per la tv in streaming e la piattaforma video, ora la sua ultima acquisizione europea mira proprio al consolidamento nel settore video.

Parliamo di Fayteq un’azienda tedesca specializzata nello sviluppo di plugin per le applicazioni di editing video sulla falsariga di Adobe after effects. Tra le altre peculiarità queste applicazioni permettono di ripulire i video da oggetti e altri effetti per renderli sempre più professionali.

Il social network quindi ha intenzione di migliorare ulteriormente il comparto video da cui trarrà nel tempo anche i maggiori benefici economici perchè molte aziende che si affiancano a Facebook per farsi pubblicità faranno un largo uso dei contenuti video.

Ma ne potranno beneficiare anche utenti privati lanciando di fatto la sfida a YouTube, sempre più stanco e affaticato.

Di fatto l’azienda Fayteq è oggi di totale proprietà del social network che intende utilizzarla nei video per i live, per le stories e per realizzare video con effetti in realtà aumentata.

Inoltre Mark Zuckerberg prima di questa operazione, si era assicurato anche Source3, una società specializzata nel riconoscimento dei contenuti che violano il copyright. In poche parole un software per smascherare istantaneamente gli imbroglioni della rete per tutelare il prodotto originale.

Tutte queste operazioni messe insieme ci portano a pensare che nel prossimo futuro chiunque potrà realizzare video direttamente da Facebook, con la possibilità quindi di modificarli, editarli e quindi caricarli proteggendo di conseguenza anche la proprietà intellettuale degli stessi.

Di recente avrete notato l’apertura del Marketplace, un posto dove ognuno può mettere in vendita qualcosa. In futuro questa vetrina sarà ampliata e chiunque stando su Facebook potrà fare acquisti, scambiare e creare dei veri e propri business online. Senza la necessità di alcuna conoscenza tecnica.

Facebook quindi non solo per condividere e comunicare ma anche per guardare i programmi preferiti, socializzare, realizzare e editare video. E ancora chattare, fare telefonate e videochiamate sia dal pc fisso che dal mobile e ovviamente messaggiare con WhatsApp (che pure si sta ampliando sempre più con nuove funzionalità).

E ovviamente centrale nella strategia di Facebook resta il fratellino Instagram.

Uno scenario senza dubbio affascinante. Una sfida al monopolio di Google mai lanciata prima. E per la prima volta nella sua storia, il gigante di Mountain View sembra in leggera difficoltà, contro la corazzata di idee messe in campo dalla squadra di Zuckerberg. Alla fine, del web, resterà solo Facebook?

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here