Si va per le vie legali. E’ guerra aperta tra il gruppo Iliad e Netflix. Il conflitto è scoppiato in Francia dove Iliad controlla il gestore Free Mobile. L’oggetto del contendere? Il report con la classifica dei migliori ISP, del quale abbiamo più volte parlato qui su UpGo.news. Ricordiamo che Iliad debutterà presto anche in Italia, dove presenterà un nuovo quarto gestore mobile. Ma vediamo cosa è successo e qual’ è il motivo dell’ aspro conflitto tra le due aziende.

Guerra Netflix Free Mobile
Free Mobile vs Netflix. Battaglia legale in Francia. Ecco cosa è successo tra la compagnia di Xavier Niel e il popolare servizio over the top.

Xavier Niel è un uomo risoluto e coraggioso. Deve essere stato proprio lui a decidere di avviare una battaglia legale contro il gigante del video on demand Netflix. Il gruppo americano redige periodicamente, in ogni paese in cui opera, una classifica dei migliori provider.

Netflix ovviamente pubblica solo una serie di dati, certificando le prestazioni ottenute dalle compagnie esclusivamente sui propri server. In Italia, a guidare questa classifica c’ è da sempre Vodafone che anche grazie al contributo di Netflix sta diffondendo l’ immagine di sé di gestore dalla rete più veloce e performante. Insomma, una bella pubblicità.

La classifica Netflix è infatti globalmente considerata autorevole e tenuta ben presente dagli addetti ai lavori. Ne consegue che ogni report è seguito da noi come in Francia, da articoli su giornali e su autorevoli blog tematici. Succede però che in Francia, Free Mobile ne esca sempre molto male.

A maggio ad esempio, la velocità di Free Mobile sui server Netflix era di soli 2,49 mbps. La concorrenza delle due principali compagnie, Sfr e Orange, si attestava rispettivamente su 3,82 mbps e 3,51 mbps.

Un divario sensibile che viene confermato, seppur con qualche differenza, praticamente da sempre. E oggi Iliad non ci sta. La colpa delle cattive prestazioni, secondo il gestore low cost, starebbe nel mancato accordo diretto tra i due soggetti. Netflix ha infatti stretto partnership con tutte le principali compagnie francesi, tranne che con Free.

Mancherebbe quindi, sempre secondo la squadra di Niel, un instradamento prioritario del traffico. I dati pubblicati sono quindi veri ma parziali e svantaggiano fortemente Iliad – Free Mobile, danneggiandone l’ immagine.

Pubblicati in questo modo, i dati raccolti da Netflix, creerebbero una pressione nemmeno tanto indiretta, sulle compagnie telefoniche. Per avere buona pubblicità da Netflix, bisogna allearsi con Netflix. L’ abbiamo riassunta così ma tutto sommato la storia è questa. E ok la pubblicità comparativa ma probabilmente, in questo caso, siamo davvero ai limiti della correttezza tra competitor.

Ma questo, ormai, lo deciderà un tribunale francese. Che molto probabilmente agirà in tempi più solerti di quelli italiani. E noi ovviamente, cercheremo di darvene notizia appena possibile. Anche perché, come detto, Free Mobile avrà presto una sua versione tutta italiana. Ed è probabile che i cattivi rapporti tra i due gruppi, saranno ereditati anche dalla filiale italiana di Iliad.

fonte