Nel campo degli operatori telefonici operanti in Italia c’è molto fermento per l’arrivo di Free Mobile. Non a caso negli scorsi giorni abbiamo parlato della nascita di un nuovo operatore MVNO da parte di TIM (Kena Mobile) pensato proprio per contrastare il debutto italiano di Iliad.

free dati degli abbonati
Free Mobile. Partenza rimandata a fine anno. Ci si prepara a sconvolgere il mercato della telefonia mobile.

Anche la fusione fra Wind e Tre porterà novità nel corso dell’anno ma sicuramente la maggior attesa è verso il super low cost Free Mobile che potrebbe portare qualcosa di veramente innovativo in questo Paese grazie ad una gestione prevalentemente affidata ai servizi online rispetto agli operatori nostrani, che oggi hanno un’ organizzazione vendita prevalentemente basata su tanti punti vendita e centri di assistenza.

Fatto sta che le novità di Free Mobile si faranno attendere ancora a lungo dato che negli scorsi giorni abbiamo avuto una nuova conferma di come le cose andranno per le lunghe: Free Mobile debutterà in Italia solo verso la fine dell’anno.

Iliad dovrebbe così rimandare il debutto sul nostro mercato, previsto inizialmente per l’estate del 2017. I mesi in più potrebbero essere necessari per studiare meglio una strategia in grado di garantire un successo analogo alla Francia, per questa nuova realtà che arriva sul mercato italiano ad affrontare la concorrenza di un operatore forte di 30 milioni di clienti qual è oggi Wind Tre, un operatore che ha la rete 4G più veloce d’Italia (Vodafone) e il gestore ex monopolista (TIM) che lancerà un operatore MVNO completamente gestibile online.

Proprio quest’ultimo sembra molto interessante perchè questa mossa permetterà a Telecom di risparmiare moltissimo per quanto riguarda assistenza clienti o anche la semplice attivazione di servizi e piani tariffari. Kena, questo il nome dell’ mvno di Tim punterà più sui giovani consentendo di avere piani tariffari più economici senza sacrificare qualità della rete e copertura che ovviamente, resteranno quelle di TIM.

Con queste premesse Free Mobile dovrà fare le cose per bene ma non potrà rimandare troppo per evitare di “perdere il treno”.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here