Torniamo a parlare di questo strano, forse non troppo opportuno e assolutamente improvviso interesse dei nostri parlamentari verso la telefonia mobile. In particolare, nei confronti del nuovo entrante Iliad. Poche ore fa qui su UpGo.news vi abbiamo raccontato dell’interrogazione parlamentare richiesta da una truppa di senatori del Pd relativa alle simbox Iliad. Ora anche Forza Italia rincara la dose. Schierato il noto senatore Maurizio Gasparri che ha chiesto l’intervento dei Ministri Salvini e Di Maio per approfondire la presunta “questione Iliad”. I parlamentari italiani vogliono vederci chiaro sulle strategie di Iliad in Italia. Un interesse fortemente criticato in queste ore dalla maggioranza dei nostri lettori. Ricordiamo inoltre che Gasparri è stato Ministro delle Comunicazioni dal 2005 al 2011, firmando in ambito televisivo la contestata riforma che porta il suo nome.

Gasparri Iliad
Non solo il PD. Ora anche Forza Italia chiede ai Ministri del Governo di intervenire contro Iliad. Ma perché la politica italiana si occupa così tanto dei francesi?

E ora anche Gasparri si schiera contro Iliad. Nelle scorse ore, come riportato da Corcom, il senatore eletto nelle fila di Forza Italia ha richiesto un’interrogazione parlamentare su Iliad.

Il gestore, secondo Gasparri, non garantirebbe una sufficiente sicurezza nell’identificazione degli utilizzatori delle proprie sim.

Tariffa Migliore Oggi

Le famose macchinette dei francesi, le simbox, non sarebbero rispettose della normativa Pisanu e porterebbero forti problematiche in termini occupazionali.

Gasparri ha sottolineato come ad oggi Iliad ufficializzi 200 collaboratori, inseriti in azienda con diversi strumenti contrattuali.

Molto meno dei livelli garantiti dalla concorrenza secondo Gasparri. E quindi il Senatore chiede un repentino intervento del dicastero per il Lavoro e lo Sviluppo Economico, mega ministero accorpato per volontà dello stesso Luigi Di Maio.

Poco chiare le risposte che i parlamentari, ormai possiamo dire a livello bipartisan, si aspettano da Iliad.

Perché mai un operatore appena entrato dovrebbe aspirare ad un impiego di forza lavoro paragonabile alla concorrenza operativa da decenni e che lavora con quote di mercato vicine al 30%?

Ma sopratutto, perché mai l’investimento di un privato estero, da tutti sempre decantato come panacea di tutti i nostri mali, deve essere sotto l’occhio così attento dei parlamentari della Repubblica?

È ovvio e da sempre dichiarato, che Iliad cerchi di realizzare in Italia quanto fatto in Francia. Una struttura più volte definita estremamente snella utile a consentire le tariffe iper competitive confezionate dai francesi.

Regole del libero mercato che, a quanto ci risulta non infrangono né le normative nazionali tantomeno quelle europee.

Una tendenza peraltro comune a tutti gli attori del settore che in questi ultimi anni hanno esternalizzato reti e call center (attualmente Iliad e l’unico operatore che garantisce risposte dall’Italia), cercando semplicemente di produrre utile dalla contrazione dei costi, in un settore nel quale le tariffe sono in costante diminuzione.

Cosa, quindi, la politica vuole sapere da Iliad?

In attesa di risposte che forse nemmeno arriveranno ci teniamo a precisare che non abbiamo nulla contro una politica che interviene e regolamenta un settore. Ma, appunto, a parer nostro, dovrebbe occuparsi di un comparto economico e non di una singola specifica azienda.

Così da non destare sospetti dopo anni di silenzi, mentre le compagnie, anche quelle fino a ieri di Stato, in nome dei dividendi da garantire agli azionisti, hanno portato i loro call center in Est Europa e praticato rimodulazioni come non ci fosse un domani.

Quel far west di rincari che, quello sì, meriterebbe più che interrogazioni e chiacchiere, una norma nuova di zecca, davvero a difesa dei consumatori.

Guarda le offerte per passare a Iliad

Continueremo, come sempre ad aggiornarvi su questa vicenda. Per non perdere le nostre notizie, è a vostra disposizione anche il Canale Telegram di UpGo.news. Se volete discutere questa notizia, è a vostra disposizione il nostro Gruppo Facebook dedicato ad Iliad che oggi conta oltre 20 mila iscritti.

FONTE AGIR

SHARE

2
Lascia un commento

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Gianluca
Ospite
Gianluca

Assurdo che un ex-ministro che ha fatto porcate impressionanti ora decanti legalità e chiarezza! Se andasse a lavorare almeno un giorno della sua vita, visto che fare il parlamentare non è un lavoro, forse capirebbe cosa significa stare da questa parte del muro e sentirsi in continuazione presi in giro e derubati dalle lobby come quella a cui lui appartiene evidentemente! GASPARRI VAI A LAVORAREEE!

giuliani walter
Ospite
giuliani walter

come mai si interessano delle simbox invece di problemi seri