Parlare in Italia di reti LTE da 370Mbps può far ribollire il sangue ai molti utenti che viaggiano ancora a velocità inferiori ai 10 Mbps, ma lo sviluppo delle reti non può fermarsi ed ecco che Huawei, Vodafone e Qualcomm hanno unito le forze per partecipare ad progetto in Turchia finalizzato alla realizzazione della prima rete commerciale al mondo con tecnologia License Assisted Access (LAA), basata su standard 3GPP R13.

Tecnologia LAA
LAA. La rete internet in mobilità raggiunge la super velocità di 370 Mbps

Come funziona questa rete LAA? Ebbene, questa soluzione utilizza 40MHz di spettro radio non licenziato a 5GHz e 15MHz di banda licenziata a 2.6GHz per tre carrier aggregation. In parole povere, da questo test in cui è stato utilizzato un processore Qualcomm Snapdragon 835 (che vedremo sui nuovi Galaxy S8 e Galaxy S8 Plus nelle varianti destinate all’America) con dispositivo mobile di test X16 LTE, si è ottenuto un picco di velocità di download di 370Mbps.

Ci sono già smartphone compatibili con questa tecnologia di rete LAA e chiaramente tutti gli smartphone che monteranno il processore Qualcomm Snapdragon 835 con X16 LTE supporteranno questa tecnologia.

Inizialmente questo processore sarà utilizzato solo sui nuovi top di gamma Samsung ma nel corso dell’anno troveremo questa CPU sulla maggior parte dei top di gamma Android. Per cui, verosimilmente, entro fine anno ci saranno diversi smartphone in grado di supportare la tecnologia LAA.

Enrico Salvatori, Senior VP e Presidente di Qualcomm EMEA ha dichiarato:

“Siamo entusiasti di realizzare la prima rete commerciale con tecnologia LAA su un processore Qualcomm Snapdragon 835 con dispositivo mobile di test X16 LTE. L’uso dello spettro radio non licenziato diventerà una parte sempre più importante della nostra strategia man mano che ci avvicineremo al 5G e la tecnologia LAA è in grado di offrire risposte concrete alle esigenze dei consumatori”.

Consentendo una velocità di download sempre maggiore, l’introduzione della tecnologia LAA sulle reti mobili contribuirà a migliorare l’esperienza dei consumatori, come ad esempio di godere di un’esperienza sempre più immersiva durante l’uso di applicazioni di realtà virtuale o realtà aumentata.

Per quanto riguarda le reti LTE, l‘ Italia è già uno dei paesi con la migliore infrastruttura in Europa. Ora c’è solo da migliorare la copertura al di fuori dei grandi centri abitati e offrire piani dati più convenienti che ci permettano di sfruttare l’alata velocità senza l’incubo dei GB che finiscono!

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here