Benedetto Levi ci va giù pesante e non accetta di accollarsi la colpa di tutti i fallimenti e le difficoltà del mercato telco di questo periodo. Una fase storica difficile, complessa, nella quale a fronte di giganteschi investimenti le compagnie telefoniche stanno attuando tagli al personale e spostamenti. E in queste settimane sembrano essersi messe tutte d’accordo nell’accusare un unico colpevole: Iliad, il quarto operatore che secondo alcuni osservatori sta costringendo i concorrenti a licenziare. Ma nelle scorse ore Levi è entrato nella questione, difendendo l’operato di Iliad. Ma prima di entrare nel vivo del nostro articolo di oggi, vi ricordiamo che c’ è la nostra App gratuita sul Google Play Store. Irrinunciabile per tutti i fan di Iliad Italia. L’avete già scaricata?

Iliad non ci sta
L’attacco, forse il più raffinato contro Iliad e che va di moda in questi giorni è che il quarto operatore costringerebbe le altre telco a licenziare. Ma Benedetto Levi non ci sta. E chiarisce. Nel frattempo ecco cosa accade sul fronte Wind Tre.

Migliaia di consumatori passati ad Iliad in pochissimi mesi. Un successo, quello di Iliad che ha scombinato i piani soprattutto di Tim e Vodafone.

Eppure il settore telefonia e più in generale quello delle telecomunicazioni non è affatto in crisi. Anzi. Si trova in un momento di sviluppo florido. Con nuove tecnologie all’orizzonte (fibra e sopratutto 5G) che cambieranno non solo le prestazioni ma anche gli impieghi delle reti.

Con il 5G, piano piano, impareremo a fare un po’ tutto. E ci sarà collegato di tutto, dal frigorifero alla nostra automobile.

Ma come mai in questa fase così rivoluzionaria, così ricca di novità, i vecchi gestori non fanno altro che lamentarsi e accusano il colpo rispondendo con licenziamenti e tagli?

Iliad investe in Italia

A rispondere è Benedetto Levi che oltre ad aggredire il mercato con la sua Iliad ci tiene a far sapere che l’impresa da lui guidata è un soggetto virtuoso per il sistema Italia. Iliad investe, produce e porta posti di lavoro. E non può essere vista come motivo di perdita di forza lavoro.

Non è la prima volta che ad Iliad si fa questo genere di accuse. Qui su UpGo.news lo abbiamo raccontato più volte negli scorsi mesi, quando il “caso Iliad” finì addirittura in Parlamento. Perché i nostri Onorevoli ad un certo punto volevano vederci più chiaro su come, quanto e perché i francesi avrebbero investito.

Poi Iliad si è presentata all’asta 5G, in qualche modo, dando prova di tutto il valore rappresentato dal Gruppo. Iliad in sede d’asta ha messo mano al portafogli, spendendo più di Fastweb e addirittura più di Wind Tre (primo gruppo italiano per numero di clienti).

Insomma ai francesi interessa restare in Italia e costruire qualcosa di solido. Un’operazione di ampio respiro utile a portare beneficio all’intero comparto.

Le ultime dichiarazioni di Benedetto Levi

E rispetto alle difficoltà iniziali, Levi non è affatto preoccupato. Anzi, dichiara (fonte Corcom): “è il miglior lancio della storia di un operatore mobile. Una perdita in fase di startup  è ampiamente prevista e il giudizio sull’Italia è positivo e privo di zone d’ombra, con il raggiungimento di 2,8 milioni di utenti in 7 mesi, un fatturato sui 125 milioni e un livello di apprezzamento molto alto”.

Intanto in Wind Tre è sciopero

Intanto proprio in queste ore i lavoratori Wind Tre sono in lotta per impedire il trasferimento di buona parte dei dipendenti dalla sede di Roma a quella di Milano. Il giornale RomaToday riporta che l’adesione allo sciopero ha raggiunto il 90% delle adesione tra i dipendenti del gruppo.

Wind Tre, ora passata all’unica proprietà dei cinesi di Hutchison sembra intenzionata a riportare, così come era per 3, tutte le attività principali nella capitale produttiva del Paese: Milano. Una brutta notizia per i dipendenti della sede romana, in prevalenza ex-Wind.

E a dirla tutta, anche una pessima notizia per l’intera città di Roma che perderebbe, almeno in parte, una delle più grandi e moderne aziende del Paese.

Vedremo se i sindacati riusciranno a difendere i lavoratori contrari al trasferimento. Per oggi, da UpGo.news, sul fronte Iliad e Wind Tre è tutto.

5 commenti

  1. Sono stato cliente prima Vodafone, poiTim e quindi ancora Vodafone per decenni. La loro politica consiste nel non premiare mai i vecchi clienti con offerte al ribasso. Fanno offerte solo se dai disdetta. Anche ora che sono passato ad Iliad, dopo avere chiesto per anni un contratto più economico, mi hanno contattato offrendovi lo stesso prezzo di Iliad. Troppo tardi. Dovevano svegliarsi prima e tenersi i clienti

  2. Certo sono degli ipocriti si accorgono di noi solo quando c e ne andiamo. GRANDE ILIAD onesta e trasparente.

    • Concordo grande iliad, pure io come altri sono passato a iliad. Prezzi giusti e servizio eccellente. Gli altri chiacchierano iliad fa i fatti, tutto a favore dei propri clienti.

  3. Giusto. Io ero Vodafone, 10 euro per sempre e poi aumenti. Facevano le offerte, solo per i nuovi clienti. Io da settembre sono con Iliad e mi trovo molto bene. I vecchi gestori continuano a mandare mess. ma per me l’unico gestore rimane Iliad.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here