Iliad Telecom utilizzerà per 10 anni la nuova rete unica di Wind Tre. Sarà un roaming totale e reso gratuito per tutti i nuovi clienti del futuro quarto gestore. Iliad potrà utilizzare le reti 2G, 3G e anche 4G. E se i tempi lo consentiranno, il roaming sarà valido anche per la futura rete 5G.

Free Mobile roaming su Wind Tre
Free Mobile. Ottimi risultati in Francia per l’ anno 2016. Cresce la copertura. L’ arrivo in Italia garantito dal roaming totale su Wind Tre.

Iliad Telecom è forte di un bilancio 2016 di tutto rispetto (in Francia, ovviamente). Ottimi risultati oltralpe. E per l’ Italia, sbarco imminente con 10 anni di roaming sulla nuova rete unica Wind Tre.

Una crescita spaventosa, del ben il 20%, nel 2016 sul 2015, in Francia per Iliad Telecom, la controllante di Free Mobile prossima allo sbarco italiano. Forti investimenti nella copertura francese, con quasi 2500 nuove bts aggiunte e il 90% della popolazione coperta. Una situazione che rende oggi Free quasi del tutto indipendente dal network del concorrente Orange Telecom.

Dal punto di vista economico, la stessa Iliad valuta la propria crescita come promettente. Soprattutto perché la stragrande maggioranza degli abbonati, usano Free con l’ abbonamento all inclusive, da 19,90 euro. Quello che, per capirci, ha davvero rivoluzionato il mercato transalpino offrendo chiamate, messaggi e mms illimitati e ben 20 giga di connessione in 4G.

Si fa accenno anche all’ arrivo italiano di Free Mobile, al quale noi di UpGo.news dedichiamo l’ intero spazio di Iliad Telecom News. L’ Italia sarà più difficile da coprire. E per questo, già alla partenza, dopo aver acquisito le antenne in eccesso di Wind Tre (si dice circa 5000), Free attiverà un roaming totale, su tutte le frequenze e tecnologie, con il nuovo colosso nato dalla joint venture.

Un accordo molto vantaggioso per Iliad, siglato davanti alla Commissaria Europea alla concorrenza Verstagger e che consentirà a Free di sfruttare pariteticamente le reti Wind Tre, per un periodo di 5 anni, rinnovabili, su decisione di Free, per altri 5 anni.

La rete italiana, che con tutta probabilità sarà affidata a Nokia Siemens Networks, non ha quindi troppa fretta. Il servizio sarà lanciato a livello nazionale sfruttando una copertura eccellente come quella oggi offerta dalla somma dei due operatori Wind e 3. Così Free potrà lavorare con maggiore calma, senza le limitazioni imposte ai clienti dalla 3 in roaming su Tim, in un Paese, il nostro, geograficamente complesso.

E politicamente difficile. Visti i tanti ricorsi dei Comuni nel caso di installazione di nuove antenne. Per questo l’ accordo di Free Mobile con Wind Tre, riguarda anche il co-siting delle BTS e un RAN sharing nelle aree meno abitate del Paese.

Tempo fa l’ AD di Vodafone Italia ha parlato di Free Mobile come possibile concorrente. Tutti concordano nella previsione di un arrivo più in salita rispetto a quanto avvenuto in Francia, a causa dei prezzi italiani, ritenuti da chi già opera sul mercato mobile italiano, già molto bassi. Quello che è sicuro è che sarà, questo 2017, un anno di forte concorrenza e ricco, per fortuna degli utenti italiani, di tante nuove offerte a basso costo.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SULLA FUSIONE WIND TRE

SHARE

Lascia un tuo commento