Home » Risparmio » La Smemoranda non c’è più. Voi la usavate?

La Smemoranda non c’è più. Voi la usavate?

Eccoci qui con una notizia leggera ma che sicuramente toccherà il cuore di molti! Vi ricordate la Smemoranda? L’agenda super iconica che ha accompagnato tante generazioni di studenti, dal 1979, è ormai un pezzo importante nei ricordi chi non è più giovanissimo. Ma ahinoi, la Smemoranda ha dichiarato fallimento il 20 gennaio 2024. E sì, avete letto bene, proprio quel diario che era un mix unico di agenda, diario personale e raccolta di arte e pensieri.

Ripercorriamo insieme un po’ di storia. Nata dalla geniale idea di Gino e Michele, la Smemoranda era molto più di un semplice diario scolastico. Era un vero e proprio simbolo generazionale, un punto di incontro tra cultura pop e arte. Grandi nomi come Claudio Bisio, Luciano Ligabue e Jovanotti hanno contribuito a renderla speciale. Ogni pagina era una scoperta: vignette, illustrazioni e spazi liberi dove ognuno poteva esprimersi, quasi come un predecessore dei social network di oggi.

Ma ecco la brutta notizia: un’asta, tenutasi per decidere il futuro di questo pezzo di storia, è andata deserta. Sì, ragazzi, significa che per ora non vedremo più la Smemoranda sugli scaffali. Un colpo al cuore per molti di noi che abbiamo vissuto anni scolastici tra le sue pagine colorate e piene di vita.

La domanda sorge spontanea: è forse la digitalizzazione a cancellare per sempre questi simboli cartacei? Cosa ne pensate voi? È il momento di aprire il baule dei ricordi e condividere le vostre esperienze con la Smemoranda. Raccontateci nei commenti le vostre storie, le dediche, le poesie e tutto ciò che vi lega a questo mitico diario. E chissà, magari tra un po’ di nostalgia e un sorriso, possiamo immaginare insieme il futuro della nostra amata agenda.


Foto dell'autore
David Geekman approfondisce i principali temi di UpGo, offrendo punti di vista nuovi e originali su risparmio, telefonia, pay tv ed energia. www.facebook.com/davidgeekman

1 commento su “La Smemoranda non c’è più. Voi la usavate?”

Lascia un commento