Mille password da ricordare. Posta, Google, conto in banca, e poi Facebook e Twitter. Ogni utente internet, più o meno smart, più o meno giovane, ha a che fare quotidianamente con decine di password. Forse centinaia. Difficili da memorizzare, costituiscono l’ unica sicurezza contro malintenzionati e ladri di identità.

Password da evitare
Le password da evitare. Ecco le peggiori password scelte dagli utenti. Le più violate.

In rete circolano moltissimi consigli su come impostare correttamente la propria password. Molti siti e servizi, obbligano in automatico alla costruzione di password sempre più complesse con simboli, maiuscole, minuscole e numeri. Delle vere e proprie sequenze alfanumeriche difficili da scovare ma anche da ricordare. Eppure l’ identità personale (ed il personale ricco bagaglio di informazioni sensibili) viaggiano oggi quasi totalmente in rete.

C’ è però chi per pigrizia commette alcuni fatali errori nella protezione delle proprie chiavi di sicurezza. Moltissimi utenti, utilizzano un’ unica password rendendo così molto fragile la sicurezza del proprio sistema di servizi personali. La pratica di replicare un’ unica password all’ infinito è cosa sconsigliata da tutti i siti di sicurezza informatica.

Password dimenticata? Ci sono i password manager

Il problema più frequente è quello della password dimenticata. Per questo, subiamo la tentazione di scegliere una chiave segreta facile facile. Esistono però in rete, moltissimi password manager, anche gratuiti. Sono software molto utilizzati e disponibili, sia su pc che su dispositivi mobili. Per le versioni desktop, i più utilizzati ad oggi sono “Password Boss” e “Keeper Password Manager”. Sono scaricabili sia in una versione gratuita limitata che in una versione a pagamento completa e permettono di memorizzare in un unico software tutto il proprio nutrito parco password. Ovviamente il software è a sua volta protetto da password. Ma volete mettere la comodità di doverne ricordare solamente una?

Le password peggiori più utilizzate nel 2017

In assenza di software dedicati (o del caro vecchio blocco noto dove appuntare e catalogare i propri dati di accesso) c’ è chi sottovaluta fortemente il pericolo di vedere violato il proprio account. Ecco le peggiori password scelte dagli utenti:

Al primo posto, sembra incredibile è la classica e banale 123456. L’ ovvia sequenza numerica è utilizzata, secondo alcune statistiche, da oltre due milioni di navigatori.
Incredibile ma vero.

Ma ce ne sono anche di peggiori: password, admin, 1234, password1, princess. Sono queste le combinazioni più utilizzate dagli utenti per proteggere i propri dati sensibili e i propri account. Nel mondo anglosassone va anche per la maggiore l’ esotica monkey.

Paroline magiche, facili da tenere a mente ma con le quali sarebbe meglio non dormire sogni tranquilli visto che ormai, con la nostra password, è possibile anche movimentare, non solo dati, foto e segreti intimi ma anche i propri averi. State attenti!