Forse alcuni di voi lo avranno intravisto su Facebook nell’ultimo periodo oppure nelle settimane o mesi precedenti. Un video diventato super virale che mostra l’installazione di un dispositivo con un antenna che in apparenza somiglia ad un modem per l’adsl di casa. In questo caso il giocattolino si appende alla parete e si collega al televisore e la promessa è quella di non pagare più nessuno abbonamento alla tv satellitare. Tutto per pochi euro. Ma proprio tutto. Che siano canali Sky, Mediaset Premium e anche, perché no, il catalogone di film e serie Netflix.

Sky Mediaset Premium gratuiti
In rete è virale la pubblicità di TVFOX, il dispositivo che permette di vedere gratis i programmi di Sky e Mediaset Premium.

Mediaset Premium e Sky gratis?

Si chiama Tvfox ed è in effetti un dispositivo, funzionante, che si collega al televisore per la ricezione dei canali del digitale terrestre ma finisce qui. Tutto ciò che fa TvFox e pare nemmeno troppo egregiamente è questo. Non ci sono miracoli e non è in alcun modo possibile bypassare chissà che cosa per non pagare più Sky piuttosto che Mediaset Premium, anche perché sarebbe, ovviamente, una furbata illegale.

Probabilmente saranno stati anche in tanti ad averlo comprato abbagliati da questo miracolo della tecnologia al pari di un’apparizione spirituale di qualche santo ma non è cosi. Per come viene presentato è a tutti gli effetti una truffa. Anche molto triste.

Il dispositivo Tvfox funziona ma non è nulla di più e di diverso da una normale antenna per la ricezione del classico segnale della televisione. Dispositivi simile del resto ne esistono a migliaia sul mercato già da anni e anche a costi più contenuti rispetto a quello pubblicizzato per Tvfox (ovvero circa 40 euro).

L’oggetto in questione pare sia stato creato da una startup americana che lo ha presentato come una super antenna dotata di una strabiliante tecnologia militare.

Come ha fatto notare anche David Puente sul suo blog, altri segnali sulla truffa di questo prodotta arrivano dal fatto che molti commenti di apprezzamento visibili dal sito ufficiale e sui social provengono da account sospetti, che hanno immagini-profilo già utilizzate in altre occasioni per creare false recensioni.

Per cui si vi siete già imbattuti in questa pubblicità e state pensando di fare l’affare della vostra vita, desistete. Come sempre cercate di informarvi bene e dalle fonti giuste, se ancora vi deve capitare ora sapete di cosa si tratta realmente.

Nessun miracolo, nessuna invenzione aliena o militare: quello che si deve pagare va pagato senza se e senza ma!

Pay tv a basso costo. L’ alternativa valida (e legale) della internet tv

Anche se la tv tradizionale in Italia rimane la preferita in assoluto dalla maggior parte delle persone, negli ultimi anni continua a crescere il numero di utenti che preferisce la tv on demand sia essa gratuita che quella a pagamento.

Leggi: film in streaming senza limiti legali

Con l’arrivo di Netflix anche in Italia, l’offerta di contenuti in streaming non solo è aumentata ma si è molto diversificata offrendo sempre più scelta a costi tutto sommato contenuti. Al gigante americano dello streaming poi si affiancano ormai altri competitor sempre più pronti a offrire il meglio che si può.

Basti pensare alla piattaforma TimVision che offre sempre di più contenuti esclusivi come film in prima visione assoluta senza neanche passare prima da Sky. Oppure serie tv acclamate dalla critica come The Handmaid’s Tale da poco arrivata sulla piattaforma e prossimamente sembra attesa anche The good fight, spin-off della celebre The good wife della CBS.

A loro si aggiunge anche Infinity di Mediaset con un’offerta che, a quanto pare, sarà nel futuro prossimo, totalmente integrata con quella di Mediaset Premium.

Gli italiani però si rivelano anche grandi fruitori della tv on demand gratuita, quella offerta ad esempio da Rai, da Mediaset (seppur strapiena di pubblicità), cosi come La7 e Discovery. Con la possibilità di vedere o rivedere i programmi preferiti subito dopo la messa in onda.

Secondo i dati sviscerati nel corso dell’ EY Capri Digital Summit, tra settembre 2016 e luglio 2017 Netflix e TimVision sono in pole position con il numero di abbonamenti in crescita. La piattaforma di Tim però è anche avvantaggiata dal fatto che viene proposta già inclusa negli abbonamenti di telefonia e internet. Seguono Infinity e Now tv di Sky, la versione internet tv dei canali della principale pay tv italiana.

Secondo lo studio presentato nel corso del convegno gli utenti sono cresciuti di 2,9 milioni, raggiungendo quota 19,1 milioni, con un rialzo del 18% rispetto alla rilevazione di settembre del 2016 ed equivalente al 58% della base di utenti internet al giugno 2017(individui con più di 16 anni).

La ricerca evidenzia anche una crescita significativa di coloro che decidono di pagare per questi contenuti video: a giugno 2017 erano infatti 4,3 milioni di utenti e 1,9 milioni di abbonamenti.

Circa la metà di coloro che guardano contenuti gratuiti utilizza le piattaforme digitali offerte dai principali broadcaster italiani, come RaiPlay, Mediaset.it, DPlay, La7.it. In futuro bisognerà tenere d’occhio anche Amazon Prime che in pochi mesi di vita ha raggiunto 300-400 mila utenti dal suo sbarco ufficiale anche in Italia.

SHARE

Lascia un tuo commento