È ormai finito il tempo dei costosi abbonamenti per il calcio in TV. Mediaset Premium da questa nuova stagione offrirà un comodo ed economico sistema pay per view per acquistare la singola partita, anche su Infinity, senza per forza dover pagare per gli eventi a cui non si è interessati.

Premium Infinity
Mediaset Premium si fonderà in futuro con Infinity. Il modello di classica pay tv, adottato da Sky, è destinato a fallire. Il futuro è Netflix. Ecco le idee di Pier Silvio Berlusconi per il futuro pay del Gruppo.

Nonostante l’incertezza che ruota ancora attorno alla presenza della serie A nei palinsesti futuri, Mediaset è pronta a competere sul campo della Champions League e a spingere sull’innovazione di una pay tv non più calcio-centrica ma simile invece ai servizi on demand in stile Netflix, che nella loro flessibilità ed economicità hanno trovato i propri punti vincenti.

Per Mediaset la pay tv tradizionale non ha futuro. Vincerà il modello Infinity. Premium verso la ritirata

“A noi interessa il calcio ma a prezzi ragionevoli”, ha dichiarato Pier Silvio Berlusconi da Montecarlo, dove sono stati presentati i palinsesti televisivi della prossima stagione, a testimonianza della volontà di cambiare rotta rispetto alla pay tv tradizionale che per l’imprenditore milanese “ha ormai raggiunto il suo massimo”.

Una TV che guarda al futuro con la speranza di creare una piattaforma sempre più ampia ed adattabile alle esigenze del consumatore, che possa andare incontro ai personali gusti di ogni spettatore e che lasci la possibilità di scegliere cosa guardare, come e su quale dispositivo farlo.

Anche quest’anno sarà comunque possibile godere delle partite italiane più importanti du Champions sulle reti Mediaset in chiaro, che garantiranno come in passato la visione di una partita di una squadra italiana per ogni turno oltre alle semifinali e all’immancabile finale. Confermata ovviamente anche l’ esclusiva pay.

Ma ci possono essere ulteriori sorprese: “Vedremo di volta in volta quale sarà la logica prevalente”, fa sapere il management. “Dare in chiaro la Juve nelle battute finali della scorsa stagione ci è sembrata una cosa doverosa per il pubblico italiano e anche per la nostra concessionaria pubblicitaria, a dirla tutta”.

Infinity è l’ unico modello a pagamento che ha davvero funzionato. E Mediaset Premium probabilmente virerà su quello. 

L’obiettivo del gruppo è sia quello di ridare nuova spinta al servizio online di Infinity, sia di supportare in maniera massiccia il nuovo servizio Mediaset Play che debutterà a breve, ovvero un servizio di streaming on demand integrato nella TV e compatibile con smartphone.

Questo permetterà di far ripartire dall’inizio la diretta di un programma già cominciato, di mettere in pausa ciò che si sta vedendo e di riprendere la visione successivamente dallo stesso istante, sino alla possibilità di scaricare i contenuti su di un dispositivo mobile per vederseli con calma offline in un secondo momento.

Servizi con cui la rete spera di aprirsi un varco ancora più ampio in un mercato che da qualche anno sembra fermo su se stesso, spingendo sull’innovazione e prendendo esempio dalle piattaforme che oltreoceano stanno percorrendo strade inedite e non ancora battute. Guarda le news della rubrica Digital Tv su UpGo.news

SHARE

Lascia un tuo commento