Aria di novità per il mercato MVNO. Dopo le chiusure annunciate e delle quali abbiamo scritto in questo post, si torna a parlare di virtuali scrivendo questa volta, di una novità positiva. Noitel, piccolissimo virtuale oggi parte del gruppo CloudItalia si appresta a cambiare rete d’appoggio. Si passa da Tim a Vodafone e, finalmente, Noitel potrà offrire ai propri clienti il 4G.

MVNO traslocano
MVNO che traslocano e cambiano di rete. Oggi parliamo di Noitel, MVNO che passerà da Tim a Vodafone.

Cambio di casa quindi per Noitel Mobile, piccolo MVNO che per il momento, non ha numeri strabilianti né tariffe secondo noi particolarmente ghiotte ma che grazie all’entrata recente in un gruppo più grande e solido, quello di CloudItalia, può oggi puntare a ritagliarsi una fetta più importante di mercato.

La rivoluzione Noitel parte però dalla rete. Fin dalla sua fondazione, sotto la guida di Andrea Petrocchi, la compagnia aveva utilizzato la rete di Tim. Ad oggi, il contratto di fornitura è con Noverca, la società appunto in mano a Tim e attiva su due business: l’MVNO low cost di proprietà, ovvero Kena Mobile e l’attività collaterale di enabler.

In pratica Noverca è il braccio operativo che consente a Tim di far funzionare la sua Kena Mobile ma offre anche servizi all’ingrosso ad altri piccoli operatori che vogliono dare in outsourcing la gestione tecnica del servizio (in gergo quindi, Noverca è un MVNE, ovvero un Mobile Virtual Network Enabler).

Noitel però ora lascia Noverca

I servizi di Noverca però non devono aver soddisfatto troppo il nuovo management di Noitel. Ora la compagnia ha infatti annunciato l’accordo con Vodafone e quindi il trasloco, già nella prima parte del 2019, della propria clientela verso la nuova rete d’appoggio.

Vodafone consentirà a Noitel Mobile di fruire anche della connettività 4G. Noitel è tra i pochi gestori a non offrire ancora la rete mobile ultra-veloce. Non è dato sapere comunque come Noitel integrerà il 4G nelle proprie offerte e se verranno previsti costi aggiuntivi e/o nuovi piani tariffari. Per il momento, a Noitel tocca l’arduo compito di sostituire le sim.

Noitel dovrà sostituire tutte le sim

Noitel utilizza sim dell’enabler Noverca e quindi è un ESP MVNO. Qualcosa in meno di un Full, tanto per capirci. In quanto ESP, Noitel non possiede proprie sim e non può cambiare la rete di appoggio delle carte attualmente in circolazione. Per passare quindi alla rete Vodafone, Noitel dovrà contattare i propri clienti e sostituire una per una le sim. Non si sa se nel passaggio alla rete Vodafone, Noitel adotterà la formula di Full MVNO che le consentirà, come detto, maggiore autonomia nelle scelte future.

Un passaggio che non è scontato che debba avvenire in tempi brevissimi e sul quale Noitel non ha diffuso dettagli. Esistono esempi del passato profondamente diversi. Ad esempio, quando PosteMobile si è trovata ad affrontare il passaggio dalla rete Vodafone a quella Wind, ha lasciato comunque attive le sim Vodafone, a tempo praticamente indeterminato. Tanto è vero che tutt’oggi, esistono sim PosteMobile su rete Vodafone. Vero è che le sim da migrare, erano in quel caso molte di più di quelle Noitel. PosteMobile, con la sua doppia rete di appoggio è comunque un caso molto curioso del quale abbiamo scritto un po’ di tempo fa in questo post.

Se le nostre notizie di interessano, continua a seguire UpGo.news anche sulla Pagina Facebook e sul Canale Telegram. Per oggi è tutto.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here