Futuro incerto per gli MVNO (gli operatori virtuali, senza rete propria) italiani. Acotel lascia il settore e vende Noverca (o quel che ne rimane) a Telecom Italia. Che fine faranno i piccoli operatori virtuali?

Noverca vendita a Telecom Italia
Acotel vende tutto. Noverca, anche l’ MVNA passa a Telecom Italia. Futuro incerto per gli mvno italiani

Il passaggio ad un colosso come Telecom Italia scongiura le preoccupazioni di una fine penosa in stile Bip Mobile. Però l’ incertezza resta per gli mvno nani, come Noitel o Ringo Mobile. Questi player infatti, non hanno le capacità tecniche e gli investimenti necessari per la costruzione di un operatore virtuale e per questo si affidano, per tutta la gestione tecnica e la contrattazione con le grandi compagnia, a degli enabler o aggregator. Acotel – Noverca, appunto, che si occupava della gestione tecnica di questa manciata di nano compagnie, più che altro concentrate ad offrire servizi nei mercati etnici e del m2m.

Acotel però, dopo svariati bilanci in rosso, ha deciso di chiudere Noverca, cedendola per intero a Telecom Italia.

Un passo indietro ulteriore, dopo aver, mesi fa, dismesso Noverca come compagnia mvno. Dopo la sfortunata esperienza commerciale, Acotel si era messa quindi ad offrire il servizio per conto di altri coraggiosi imprenditori. Ma anche qui, il successo registrato non è stato sufficiente a giustificare gli ingenti investimenti necessari per tenere in piedi la baracca.

E quindi oggi, stando al comunicato stampa ufficiale Acotel, si chiude tutto. L’ intera azienda sarà assorbita dalla grande Tim. Non pervenute, ufficiali dichiarazioni da parte dei “clienti” di Acotel, come Ringo e Noitel ma sulle rispettive pagine Facebook già molti utenti domandano preoccupati, che fine faranno le loro belle, economiche sim.

1 commento

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here