Quale futuro per l’ offerta Mediaset Premium? Sono mesi di incertezze per il progetto tv a pagamento fortemente voluto da Pier Silvio Berlusconi per contrastare il predominio di Sky. Ora Premium sembra cercare alleati forti. Anzi, dopo averli trovati in Vivendi (progetto finito in tribunale) ora cerca la pace per un futuro insieme di stampo europeo, digitale e decisamente più solido.

Offerta Mediaset Premium
L’ offerta di Mediaset Premium. Tra calcio, Serie A, Champions League, cinema e serie televisive. Ecco il presente e il possibile futuro di Premium.

Progetto finito male? Niente affatto. Mediaset cerca ora in TIM e Vivendi la sponda per ridimensionare i costi senza rinunciare ad un’ offerta forte nella tv a pagamento. Ed è così che molti osservatori vedono possibile, anzi molto vicina, un’ alleanza tra i tre soggetti per creare Canal+ Italia.

Se il progetto si concretizzasse si avrebbe finalmente una vera offerta alternativa non solo a Sky ma anche agli americani di Netflix.

Mediaset vorrebbe tornare a fare semplicemente il proprio mestiere, ovvero il fornitore di contenuti. In un progetto di più ampio respiro, Mediaset potrebbe portare la sua redazione sportiva e quindi il canale Premium Sport e anche il know how acquisto nel veicolare prodotto pregiato ed esclusivo, come serie tv e cinema.

Inoltre, Premium porterebbe nel nuovo progetto il buon pacchetto di abbonati. Quasi 2 milioni, comprese anche le non troppo proficue tessere prepagate. Ma per il momento non c’ è niente di certo. Semplici, possibili, rumors. Ovviamente, qui su UpGo.news non mancheremo di aggiornarvi costantemente sul possibile progetto di fusione Vivendi – TimVision – Mediaset Premium.

Per il momento, andiamo a vedere in questo nostro lungo speciale, come si compone attualmente l’ offerta televisiva di Mediaset Premium.

L’ offerta Champions League di Mediaset Premium

Mediaset Premium destino incerto. La pay tv pesa alla prova dei fatti sui conti del Biscione. Ai piani alti poi, si inizia a credere poco ad una tv a pagamento diffusa esclusivamente sul digitale terrestre.

Mediaset Premium detiene ancora i diritti Champions League per il 2017/2018, mentre Sky la trasmetterà in esclusiva per il triennio 2018/2021. Quindi per tutti gli appassionati di calcio e di questo campionato in particolare, ecco le principali offerte di Mediaset Premium per la Champions League.

Mediaset Premium. Sky possibile acquirente
Mediaset Premium. Ecco le offerte per vedere la Champions League sulla pay tv del Biscione.

Al momento Mediaset Premium offre tre opzioni di abbonamento alla Champions: sia con ricarica Pass Uefa Champions League e sia con pacchetto prepagato.

Pacchetti Mediaset Premium per vedere la Champions League

  • Offerta Abbonamento a partire da 19,90 euro per i primi 6 mesi, poi a 36 euro, con il pacchetto Cinema & Serie TV + Serie A & Sport + Uefa Champions League 2017-2018.
  • Pass Uefa Champions League 2017/2018 con formula ricarica a 149,00 euro una tantum, comprensivo di HD e Premium Play per la visione in mobilità.
  • Pacchetto prepagato special edition per la visione fino al 30 giugno 2018, al costo di 399,00 euro, combinazione Cinema & Serie TV + Serie A & Sport + Uefa Champions League 2017-2018. Potete scegliere anche un solo mese al costo prepagato di 39 euro.

Le proposte sopra elencate danno tutte la possibilità di seguire i match completi con incluse anche le squadre straniere. Occhi puntati invece per quanto riguarda le nostre squadre italiane ossia Roma, Juventus e Napoli.

Mediaset Premium. Champions League in Pay per View

La Champions come detto sarà ancora appannaggio di Mediaset Premium per la stagione 2017/2018, poi passerà a Sky per il prossimo triennio. Esiste anche la possibilità di acquistare singoli partite in pay per view su Mediaset Premium. Ecco quindi maggiori dettagli sull’ offerta Premium di Mediaset per la massima competizione europea:

Champions PPV
Champions League. Per fare cassa Mediaset Premium torna anche al vecchio sistema pay per view. Le partite della competizione europea anche in PPV.

Come acquistare la Champions League in pay per view su Mediaset Premium

Tutte le dirette del campionato Champions saranno sempre corredate da commenti e aggiornamenti pre e post partita. Con l’opzione Pay per view quindi non sarà più necessario sottoscrivere uno specifico pacchetto o abbonamento, ma si potrà pagare per il semplice evento senza ulteriori vincoli. Il costo previsto è pari a 15 euro per ogni gara.

Finora questa modalità era sempre prevista per le partite di Serie A, al costo di 10 euro che salgono a 15 euro per i grandi match del momento tra cui gli incontri dei campionati esteri. Ma in questi casi specifici il costo del singolo evento rimane invariato a 5 euro.

Vi ricordiamo inoltre che per coloro che non desiderano vincoli di abbonamento possono sempre puntare sugli specifici pass in modalità prepagato, sempre in alta definizione. Nelle offerte di Premium è sempre disponibile anche la modalità on demand con la quale potete vedere o rivedere anche in HD tutte le partite, gli highlights e gli aggiornamenti.

Inoltre sempre disponibile la Premium Play Mobilità per gustare su PC, smartphone e tablet le emozioni del torneo a cui partecipano i campioni più importanti d’Europa. Ma tutti questi servizi sono disponibili in caso di abbonamento o acquisto di Pass preparato.

La Champions diventa esclusiva Sky

Investimento gigante quello fatto da Sky per scippare la Champions a Mediaset Premium. Nonostante la dinamicità del mercato dei contenuti a pagamento, che oggi vede protagonisti anche altri soggetti importanti come Netflix e Amazon, il calcio continua ad essere la killer application delle tv a pagamento tradizionali.

Sky ha pagato, secondo alcune ricostruzioni, la nuova Champions circa 800 milioni di euro. Una cifra superiore a quella sborsata da Mediaset per il triennio ancora in corso. Esclusiva che come sappiamo, non ha probabilmente portato ai frutti sperati.

Premium voleva asfaltare Sky e alla fine, diciamolo chiaramente ha perso la battaglia. Sky infatti non ha registrato l’ emorragia di clienti che i Berlusconi speravano e quelli di Mediaset Premium sono rimasti sempre attorno ai 2 milioni.

Una situazione non sufficiente a pagare le salate rate alla UEFA. Ora però Sky rilancia e si riprende tutto. Anche se per vedere gli effetti in palinsesto delle nuove acquisizioni bisognerà attendere l’ estate del 2018. I diritti 2017-2018 continueranno infatti ad essere esclusiva di Mediaset, sia sul pay che sul free.

Ora però Sky sta pensando ad una strategia per abbattere il mega costo. Probabilmente, proprio grazie alla tv free. Di fronte al colosso paneuropeo della pay ci sono due strade: trasmettere un incontro settimanale di Champions League anche in chiaro, sfruttando magari la sua rete generalista Tv8 oppure, cosa più probabile, allearsi con la RAI per condividere diritti e quindi costi.

Quest’ ultima strada è ritenuta altamente percorribile anche se prima ci sarà d’ affrontare la nuova asta per la Serie A. Lì invece il primo tentativo di Lega e dell’ advisor Infront è andato malissimo e di fatto solo Sky ha presentato un’ offerta per le partite del nostro campionato di calcio.

Tutto da rifare dunque. Ma alla prossima asta potrebbe entrare a sorpresa TIM, che oltre ad essere una solida compagnia telefonica è anche la scatola che Vivendi e Bollorè potrebbero utilizzare per rafforzare la propria posizione nel mercato dei diritti. Vivendi potrebbe essere interessata alla Serie A per creare un proprio canale, da poi poter rivendere agli operatori pay.

Non è esclusa neanche la strada dell’ autarchia della Lega, che starebbe riflettendo, tesi confermata da Cairo, ad un canale costruito in casa. Lega Calcio Channel, un tentativo che in parte ricalca il fallimentare esperimento di Gioco Calcio Tv, di qualche era televisiva fa.

Leggi anche: Novità su Sky e Offerte online Sky

Intanto a Sky gongolano per la nuova posizione dominante sul calcio europeo. Andrea Zappia, AD di Sky ci ha tenuto a definire l’ investimento del gruppo oculato e assolutamente sostenibile. Del resto quella del 2018-2021, sarà una Champions più italiana, con quattro squadre nostrane che accederanno direttamente alla ghiotta fase finale. Una garanzia in più per ascolti e quindi abbonamenti.

Mediaset Premium vs Sky. I diritti della Champions

Premium Sport, addio Champions e niente Europa League. Si sono quindi concretizzate le profezie più pessimiste circa il futuro della pay tv di Cologno Monzese, Mediaset Premium. L’ offerta sport perde i diritti di tutte le principali competizioni europee che finiscono in mano a Sky.

Premium Sport addio Champions
Mediaset Premium vs Sky. La pay tv satellitare torna ad avere in mano i diritti tv per la trasmissione della Champions League e per la prima volta anche l’ Europa League. A Premium non rimane nulla.

Rivoluzione in tv per quanto riguarda i diritti sportivi. Mentre sulla Serie A è tutto rimandato non si sa a quando, per le competizioni europee, traino ancora più forte, i giochi sono fatti.

Tutto è per la prima volta in mano a Sky che si trova, o meglio si troverà, a partire dalla stagione 2018-2021, a poter trasmettere tutto il calcio che conta. Resta quindi a bocca asciutta Mediaset, anche se il clima da ritirata era già nell’ aria, almeno da quando Pier Silvio Berlusconi aveva tracciato la nuova strategia del gruppo: approccio opportunistico, lo aveva definito.

Che in parole povere significa che i soldi, ormai sono pochi e le possibilità di rientro, per Premium, sempre più lontane.

Nel CDA di Mediaset ha pesato la brutta esperienza della scorsa acquisizione per i diritti di Champions. Esclusiva costosa e poco remunerativa in termini di nuovi abbonati e che sarà sfruttata ancora per la prossima stagione televisiva 2017-2018.

Uno scontro a due classico, che alla fine non ha visto scendere in campo protagonisti alternativi molto chiacchierati come TIM e Amazon. Sky tornerà, probabilmente, l’ unica pay tv calciofila del Bel Paese, alla faccia dei sogni di sfida del giovane Pier Silvio.

Ecco le parole di Andrea Zappia, AD di Sky:

“Siamo molto felici di questo risultato. Il nuovo format sviluppato dalla UEFA ci consentirà di portare ai nostri abbonati un prodotto rivoluzionario per il calcio europeo in Italia. Per la prima volta la UEFA Champions League e la UEFA Europa League saranno insieme in un’esclusiva offerta integrata, che permetterà agli appassionati di seguire fino a 7 squadre italiane, mai così tante prima d’ora, impegnate nelle sfide con i migliori club europei. Due tornei con oltre 340 partite entusiasmanti, nei migliori stadi continentali, con i più grandi calciatori del pianeta. Continueremo a fare innovazione, trasmettendo le partite più importanti anche in 4K HDR.Quest’offerta senza precedenti rafforza la posizione di Sky come leader della programmazione sportiva in Italia ed è anche un altro passo importante di sostegno al calcio italiano, un impegno che continuerà a vederci protagonisti anche nel futuro bando sui diritti della Serie A”.

In serata sono arrivate, direttamente sui canali sport di Sky, le parole del direttore della testata sportiva della pay tv, Federico Ferri:

Quella di oggi è una bella notizia per i nostri abbonati, c’è tanta soddisfazione nel poter condividere insieme a loro un’altra nostra prima volta, tante ne abbiamo già vissute: la prima volta in cui abbiamo raccontato tutte le partite del campionato di Serie A, la prima volta che abbiamo raccontato un Mondiale (nel 2006) o un’Olimpiade Estiva (Londra 2012), la prima volta che abbiamo vissuto su un canale dedicato integralmente un Mondiale di F1 o di MotoGP, tante vittorie azzurre, tante soddisfazioni, tutte in diretta.

Per Sky Sport, quella che arriverà sarà un’altra prima volta, il poter raccontare la nuova Champions League e l’Europa League insieme in una offerta completa ed esclusiva, che comprenderà la nuova Champions League (quella che avrà 4 squadre italiane qualificate senza turni preliminari, quindi con la certezza di avere 4 squadre nella fase a gironi), e continuare il racconto dell’Europa League iniziato due anni fa con fino a 3 squadre italiane. Dalla stagione 2018-2019 e fino alla stagione 2020-2021 Champions League ed Europa League faranno parte solo della straordinaria offerta di Sky Sport. Questa notizia sottolinea di un nuovo impegno che conferma della presenza di Sky nel mondo di calcio con la volontà di continuare a costruire un’offerta, un prodotto sempre più innovativo per i nostri abbonati.

Tra le tante novità che potremo vivere insieme anche la possibilità di potervi mostrare (come sempre abbiamo fatto), unito al racconto, all’emozione e al cuore che c’è nello sport, anche una forte componente di qualità e di innovazione, infatti i nostri abbonati potranno vedere le partite di questi tornei anche nel formato 4K con tecnologia HDR che sarà una nuova evoluzione nel racconto, nel linguaggio, nell’emozione che trasmettiamo attraverso il calcio del massimo livello, in un offerta che non si era mai vista prima nella televisione italiana

Mediaset Premium. Cinema e Serie Tv

Ma Mediaset Premium non è solo calcio, Serie A e Champions. L’ offerta Mediaset Premium si compone anche di canali dedicati a cinema e serie tv. Franco Ricci, ormai ex AD di Premium ha risposto qualche tempo fa alle critiche relative all’ impoverimento dell’ offerta cinema di Premium. Intervistato dall’ ottimo blog di Davide Maggio, Ricci mette in chiaro le cose. Se vi siete persi il nostro post che spiega la situazione dell’ offerta cinema di Premium vi consigliamo di cliccare qui.

Franco Ricci ad di Mediaset Premium
Franco Ricci difende Premium: “Rispetto alla concorrenza, siamo sottovalutati!”

Franco Ricci difende con forza Premium, accusando i francesi di Vivendi per la brutta situazione finanziaria e gli obiettivi non raggiunti. Più avanti poi, difende l’ offerta pay del Biscione anche sul delicato fronte dei diritti cinematografici.

Da poco Mediaset ha infatti venduto i diritti della sua Medusa ai concorrenti di Sky, lasciando i canali Premium Cinema con pochissime prime visioni assolute. Un pacchetto comunque venduto a caro prezzo e del quale molti abbonati ormai si lamentano ogni giorno.

Ricci si dice sicuro della forza degli accordi con Universal e Warner e non ci sta quando l’ intervistatore gli fa presente un problema di immagine e posizionamento rispetto alla concorrenza.

Eppure, è sotto gli occhi di tutti, che Sky Cinema ha ulteriormente rafforzato la propria offerta e aumentando la distanza con il concorrente della famiglia Berlusconi, proponendo la bellezza di una prima visione assoluta ogni sera. Gli abbonati di Premium Cinema devono invece accontentarsi di una media di 5 – 6 prime visioni al mese, vedendo spesso privilegiato come canale di diffusione, la free Canale 5 o la internet tv Infinity, sempre di casa Mediaset.

I canali cinema e serie di Mediaset Premium

  • Premium Joi
  • Premium Crime
  • Premium Action
  • Premium Stories
  • Premium Cinema
  • Premium Cinema Energy
  • Premium Cinema Emotion
  • Premium Cinema Comedy
  • Studio Universal

Quattro canali dedicati alle serie televisive e cinque dedicati al cinema. Anche se i diritti per coprirne i palinsesti sono in definitiva abbastanza pochi. Alcuni canali sono trasmessi in alta definizione ma qui Mediaset paga il prezzo dello spazio molto limitato offerto dal DTT. I canali Mediaset Premium sono inoltre trasmessi da diversi multiplex. A seconda delle zone quindi, pur pagando l’ abbonamento alla pay tv, ci si potrebbe trovare scoperti parzialmente dal segnale di uno di questi mux. Un disagio denunciato da molti clienti Premium.

Alcuni canali e corrispettive versioni +1 possono essere spente durante la trasmissione delle partite di calcio. Un espediente antipatico ma necessario proprio a causa della scarsità di spazio disponibile nei multiplex proprietari o affittati da Mediaset.

Mediaset Premium continuerà la sua avventura anche nella prossima stagione televisiva? Riuscirà Mediaset a trasformare e modernizzare la sua pay tv rendendola davvero competitiva con Sky e gli altri over the top che intanto spuntano come funghi?

Lascia un tuo commento