Rimodulazioni maledette rimodulazioni! Dopo quelle annunciate da Tre (qui trovate tutti i dettagli), anche PosteMobile annuncia rimodulazioni che riguardano i suoi piani a consumo. Il gestore infatti sta già inviando in questi giorni sms ad alcuni clienti per informarli della rimodulazione del proprio piano tariffario di base.

Brutte Notizie PosteMobile tariffe rimodulate
Brutte, bruttissime notizie da PosteMobile. Anche il primo gestore virtuale italiano si lancia nella moda del momento: le rimodulazioni. Cambiano i piani base a consumo.

Con questo testo Postemobile sta informando i suoi clienti ma di quale piano tariffario si sta parlando? Molto poco chiaro tutto ciò:

PosteMobile: dal 18/09/2017 parli a 7 cent/min senza scatto alla risposta, con un costo di soli 1 E/ settimana. Hai diritto di recedere o a passare ad altro operatore senza penali. Info al 160 e su www.postemobile.it

I clienti dunque saranno avvisati e potranno esercitare il diritto di recesso come consentito dalla legge. La rimodulazione potrebbe riguardare quindi tutti quei piani tariffari a consumo finora sempre gratuiti che avranno invece un costo di 1 euro alla settimana con chiamate che costeranno 7 centesimi al minuto senza scatto alla risposta e tutto questo a partire dal prossimo 18 settembre 2017.

Un eventuale cambio piano costerebbe ai già clienti di PosteMobile 12 euro una tantum, fermo restando il diritto di recedere o di cambiare operatore senza dover pagare alcuna penale. Il consiglio è quello di chiamare il 160 o di rivolgersi a un Ufficio Postale per avere maggiori chiarimenti in base al proprio piano tariffario.

Insomma tempi duri per i clienti dei vari gestori telefonici che tra rimodulazioni, tariffazioni a 28 giorni invece che 30 si vedono intanto scoraggiare sempre di più dall’utilizzare un piano tariffario a consumo a vantaggio dei piani tariffari tutto incluso che in molti casi sono comodi e offrono tanto ma non sempre soddisfano le esigenze di tutti.

In particolare pensiamo alla clientela tipo di PosteMobile, spesso fatta anche di molti anziani e di sim secondarie. In questi casi i nuovi addebiti potrebbero arrivare senza che il cliente sappia o capisca realmente i termini della nuova offerta.

Se siete clienti Postemobile e riceverete o avete già ricevuto l’sms informativo in questi giorni o nei prossimi giorni, se vi va fateci sapere se il gestore avrà informato con maggiore precisione sulla rimodulazione prevista.

SHARE

Lascia un tuo commento