Storia di TeleTu e Tele2

Chi si ricorda lo storico marchio Tele2 poi sostituito da TeleTu? Da appassionati, qui su UpGo.news ci piace ripercorrere ogni tanto la storia dei brand più famosi del mercato telco. E questa volta parliamo di TeleTu, altro brand inglobato da Vodafone (come accaduto ad Omnitel, altro marchio del quale abbiamo ripercorso la storia).

“TeleTu, chi risparmia sei tu”, “Canone Telecom? No Grazie” e “Tele 2. Perché pagare di più?”. Ecco 3 degli slogan TeleTu più martellanti nel decennio che l’ha vista tra le compagnie protagoniste della telefonia: fino all’ultimo, emblematico. “TeleTu, per sempre”.

O almeno fino al 1° aprile 2015. Dopo questa data, TeleTu cessa infatti di esistere e tutti quelli che erano suoi clienti passano automaticamente a Vodafone. Ma andiamo con ordine.

Le origini di TeleTu: Tele2

Tele2 Logo
Il logo internazionale di Tele2, tuttora utilizzato nei Paesi dove la compagnia è ancora attiva.

TeleTu è legata a Vodafone fin dalla sua nascita che risale al 3 gennaio 2010, a seguito dell’acquisizione di Tele2 Italia, partita il 6 ottobre 2007 in Italia ed in Spagna. L’operazione costò 775 milioni di euro e si perfezionò a Dicembre dello stesso anno.

Tele2 Italia ebbe origine nel 1999 dalla compagnia svedese Tele2 Aktiebolag, cioè un operatore di telecomunicazioni fondato nel 1993 a Stoccolma. Tele2 offre la linea ADSL in modalità Unbundling Local Loop (fruttando le infrastrutture esistenti) dal 2005.

Inizialmente il servizio Tele2 è disponibile solo a Roma e Milano, ma gradualmente arriverà a coprire tutto il territorio nazionale. Una svolta arriva nel 2006: è questo l’anno in cui Tele2 offre la possibilità di non pagare più il canone Telecom Italia. Per l’epoca fu una grande sfida.

E’ in questa fase che Tele2 si afferma come grande protagonista nella liberalizzazione del mercato della telefonia fissa, insieme ad un altro brand ormai praticamente scomparso: Infostrada.

Vodafone Italia entra in gioco nel 2007, quando Tele2 Italia viene acquistata assieme a Tele2 Spagna. Qui avviene la modifica del nome: la scelta, inizialmente, cade formalmente su Opitel S.p.A., ma nel 2010, cambia definitivamente ragione Sociale in TeleTu S.p.A..

Mantiene però come simbolo pubblicitario il maialino salvadanaio giallo, che è già conosciuto alle persone e spiega ai telespettatori il risparmio garantito: la mascotte  diventa Mr TeleTu.

Mr TeleTu
Mr TeleTu, la mascotte della compagnia telefonica Tele2 poi diventata TeleTu

Dal 1 ottobre 2012 TeleTu quindi è ufficialmente un marchio di Vodafone Omnitel N.V.: il gestore TeleTu conta in questa fase 2.622.000 linee fisse al 30 settembre 2012, di cui 1.715.000 clienti ADSL.

Nei casi in cui il servizio veniva gestito direttamente da TeleTu, si poteva dire bye bye al canone Telecom, dove invece non è possibile il sistema ad operatore unico, TeleTu diventa operatore alternativo con la conseguenza della ricezione di 2 bollette.

TELETU E LE OFFERTE

Logo di TeleTu
Il logo della compagnai telefonica TeleTu

In ogni caso, l’offerta prevedeva servizi di telefonia fissa e di Adsl fino a 20 Mb/s, con tariffe sempre concorrenziali e fortemente orientate al risparmio.

TeleTu si preoccupa di creare interesse nei nuovi potenziali clienti, proponendo ad esempio Mini, cioè il profilo pensato per gli utenti che chiamano poco ma hanno comunque bisogno di una linea telefonica senza ADSL. Tutto ciò a 14,90 euro al mese.

Ma nelle offerte del 2012 troviamo anche “Senza Pensieri”, cioè la tariffa voce più completa di TeleTu per le chiamate verso i numeri nazionali, proposta a 16,90 euro al mese per 6 mesi (per poi tornare a 21,90 euro).

Tutte queste tariffe, ed altre, sono dedicate a chi passa a TeleTu.

Come detto sopra, ad un certo punto Vodafone acquisisce la compagnia Tele2 ma solo in Italia e Spagna. Nasce quindi l’esigenze di cambiare marchio in fretta. Tele2 è infatti una compagnia ben presente in altre parti d’Europa, in particolare nell’est. Per questo Vodafone alla fine opta per la quasi continuità, disegnando il marchio TeleTu adottato solo nel nostro mercato.

Ma i clienti dove sono finiti? In realtà, tutta la gestione ha fatto sì che non si accorgessero del cambio, nel senso che a parte le comunicazioni ufficiali, hanno potuto mantenere i loro servizi.

Concepita per soddisfare le esigenze di tutti i tipi di clienti, sia dei privati che dei liberi professionisti con partita IVA, la proposta commerciale di Teletu prevedeva 3 tipologie di tariffe:

  • solo linea fissa, – attivazione di un numero di rete fissa
  • offerte Adsl e telefono – associano alla rete fissa un ampio traffico dati per navigare in rete
  • offerte solo Adsl – solo per navigare in rete

Inoltre TeleTu aveva un servizio di assistenza tecnica ed amministrativa: per contattarla bastava chiamare il numero 848 991 022. Dal sito della compagnia era anche possibile accedere ad un’area riservata da cui ogni cliente poteva monitorare i propri consumi ed avere accesso a a promozioni speciali.

LA VARIAZIONE DELLE OFFERTE TELETU DOPO IL PASSAGGIO A VODAFONE

Come dicevamo, la fusione tra TeleTu e Vodafone è avvenuta il 1 aprile 2015. Vodafone decide in questo momento di semplificare il proprio marketing e adotta il brand principale per tutti i servizi. I clienti TeleTu diventano quindi clienti di telefonia fissa Vodafone (è proprio in questo periodo che Vodafone inizia a spingere tantissimo sulla telefonia fissa, fino ad allora mercato considerato marginale per la compagnia).

Questa non ha però lasciato i clienti sorpresi, dato che il suo annuncio era stato fatto con largo anticipo. Se sei stato un cliente TeleTu ne sei testimone: avrai infatti ricevuto una comunicazione che illustrava tutte le conseguenze del passaggio a Vodafone nei mesi che hanno preceduto l’operazione.

Per tutelare i clienti, la compagnia decise infatti di non modificare i servizi, lasciando invariate le condizioni previste dalle varie offerte. Ciò è stato aiutato dal progressivo allineamento delle offerte TeleTu e Vodafone nei mesi che hanno preceduto la fusione societaria.

La gestione oculata ha preservato anche la linea telefonica attiva, che non ha subito alcuna variazione. Per questo, non è stata necessaria alcuna sostituzione né intervento. In ultimo, la stessa strategia è stata adottata anche per il servizio di assistenza che non ha subito interruzioni.

Ancora oggi è tutt’ora formalmente attivo il sito TeleTu: ormai gestito totalmente da Vodafone e che presenta solamente una pagina di cortesia.

Una cosa è rimasta tale: il contenuto dello slogan di cui parlavamo all’inizio, “TeleTu per sempre”.

Infatti, anche se dal 23 Luglio 2019 alcuni clienti Vodafone con un’offerta TeleTu subiranno una nuova modifica unilaterale con un aumento di 2,99 euro al mese, i piani “per sempre” (oltre a quelli della pubblica amministrazione ed ai piani a consumo) resteranno invariati, (quasi) come promesso.

Ecco qui sotto uno storico spot a marchio Tele2. E cari nostalgici se anche voi siete stati clienti di Tele2 o di TeleTu commentate sotto il video, nell’apposito spazio commenti.

Wind Fibra 1000

2 commenti

  1. Nel vs articolo c’è un’ imprecisazione… La Vodafone non comincia ad estendersi con la telefonia fissa dopo aver inglobato Tele2, già nel 2007 Vodafone cominciò ad inserirsi nelle case per la gestione di rete fissav con la Vodafone station

    • Hai ragione Giacinta. Abbiamo modificato la frase che ora è più esatta. E’ stato quello un periodo di investimenti strategici sul fisso ma non certo il vero esordio di Vodafone sul fisso. Grazie mille!

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here