Si parla sempre più frequentemente, anche nel mobile, di giga illimitati. È la nuova frontiera dell’internet da telefonino, in un momento di forte pressione competitiva. Tim e Vodafone iniziano a parlarne sempre più frequentemente, anche per resistere all’avanzata Iliad. Ma intanto, il Gran Giurì ha fermato Tim. I giga illimitati, purtroppo, illimitati non sono.

Tim ingannevole
Tim ancora una volta pizzicata delle authority per pubblicità poco trasparenti. Ecco cosa è successo questa volta.

Pubblicità ingannevole, quante volte lo abbiamo sentito soprattutto riferito agli operatori telefonici italiani? Innumerevoli volte e nonostante svariati richiami e denunce continuano inesorabilmente a cascarci. Parliamo di TIM su una segnalazione di Vodafone datata 24 ottobre 2018 riguardante lo spot pubblicitario sull’offerta Tim senza limiti Platinum.

Nella pubblicità infatti viene dichiarato che l’offerta in questione propone giga senza limiti ma in realtà scandagliando con maggiore attenzione, i giga disponibili sarebbero 50 e che superata tale soglia la velocità viene notevolmente abbassata a 32Kbps, un calo piuttosto consistente che provocherebbe non pochi problemi al cliente di turno che utilizza molto internet in mobilità.

Nonostante le inutili difese da parte di TIM, l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, istituto che ha appunto il compito di vigilare sulla correttezza pubblicitaria ha dato pienamente ragione a Vodafone costringendo quindi Telecom Italia a ritoccare le diciture contenute nell’offerta “incriminata”.

Nell’accusa ha preso forma anche un altro parametro che ha dato ulteriormente torto all’operatore che nel pubblicizzare il programma fedeltà Tim Party ha citato un’altra offerta sottolineando che i giga in questo caso erano illimitati ma realmente, per cui è subentrata anche l’aggravante dell’utilizzo della stessa terminologia in base alla convenienza del momento che va poi tutto a discapito dei clienti.

Nella decisione dell’Istituto quindi è stato tenuto conto anche di questo tipo di malinteso che creerebbe confusione anche nei confronti di altri operatori che propongono in questo periodo e sempre più spesso offerte simili con 50Gb di internet mobile.

Come accennato prima, TIM ha cercato di difendersi dall’accusa facendo una netta distinzione tra giga illimitati e velocità del servizio cercando di ridimensionare molto, anche troppo, il rallentamento della velocità come un problema marginale.

Ad ogni modo a nulla sono valse le giustificazioni, nell’offerta ora è chiaramente specificato che sono disponibili 50Gb di internet mobile e che superata tale soglia la velocità viene ridotta. Alla base di tutto questo rimane sempre la difficoltà per molti clienti di riuscire a recuperare con facilità e immediatezza tutte le informazioni su una determinata offerta.

Leggi anche: offertissime di TIM

Un qualcosa che proprio gli operatori nonostante piccoli miglioramenti in questi anni non vogliono risolvere mai fino in fondo, “nascondendo” quelle che sono a volte informazioni importanti.

In conclusione è stato stabilito che la pubblicità relativa all’offerta Tim Senza Limiti Platinum è contraria a quanto affermato dall’articolo n. 2 del codice di Autodisciplina e ne ha quindi ordinato la cessazione.

Ma come è composta questa tanto chiacchierata offerta? In pratica la Tim Senza Limiti Platinum si compone di minuti illimitati verso tutti i fissi e mobili nazionali, 50Gb di internet mobile in 4G, internet illimitato ma alla velocità di 32Kbps, chat e musica in streaming senza limiti dalle App più popolari senza consumare i Giga, al costo di 49 euro al mese anzichè 59 euro, scegliendo come metodi di pagamento carta di creditoconto corrente o carta Tim Personal.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here