L’unico credibile modo per affrancarsi dalla guerra dei prezzi senza esclusione di colpi è puntare tutto sulla qualità: dei servizi offerti certo ma anche della rete. Per questo Vodafone in questo periodo non sta certo cercando di attrarre con tariffe low cost ma continua a rafforzare la propria leadership nella velocità e nelle prestazioni. È in questo contesto particolare del mercato che trova ragione di esistere, il nuovo Giga Network di Vodafone, presentato in pompa magna a Milano. L’operatore rosso ora cerca il distacco forte dalla concorrenza.

Vodafone logo nero
Vodafone, l’obbiettivo è il distacco dalla concorrenza, posizionando il proprio brand nella fascia più alta del mercato. Dove si può chiedere di più a patto che si dia di più.

Vodafone brucia le tappe e con largo anticipo rispetto ai concorrenti annuncia l’arrivo del Giga Network, una nuova infrastruttura che viaggia a metà tra il 4G e il 5G, facendo leva su alcune delle rivoluzioni che apporterà quest’ultimo quando entrerà definitivamente il vigore tra il 2019 e il 2020.

La nuova rete Giga Network è stata sviluppata da centro di Ricerca e Sviluppo di Vodafone, grazie al sostegno di numerosi ingegneri del Gruppo provenienti da Milano, Dusseldorf, Londra e Madrid.

Il Giga Network rappresenta il primo grande passo verso la rivoluzione delle infrastrutture, proponendo AI e algoritmi intelligenti che adattano e ottimizzano in modo dinamico le performance, come la velocità e le coperture, ma anche il  traffico dati dei clienti.

L’esperimento di Vodafone con questa nuova infrastruttura è partito ufficialmente dal 21 Ottobre, con un 1 Gigabite al secondo che coinvolge al momento solo 17 città in tutta Italia: Roma, Milano, Napoli, Palermo, Genova, Torino, Novara, Brescia, Bologna, Vicenza, Ancona, Firenze, Livorno, Taranto, Salerno, Agrigento, e Catania.

L’operatore conta di espandersi fino a 23 Città entro la fine del 2018, con l’obiettivo di coprire tutti i territori nazionali entro la fine del 2019.

L’arrivo di questa nuova rete 4.5G introduce anche una nuova tecnologia denominata VoLTE (Voice over Long Term Evolution), pensata per consentire chiamate e navigazioni in contemporanea senza interruzioni, e un flusso chiaro e costante della voce.

Troviamo poi la Carrier Aggregation, dei nuovi apparati di rete pensati per unire più frequenze all’interno di una stessa connessione, così da offrire una velocità maggiore rispetto agli standard attuali.

In contemporanea Vodafone ha lanciato anche la sua prima offerta legata alla nuova rete 4.5G, Vodafone Unlimited Red+.

Si tratta della prima offerta Vodafone pensata per garantire agli abbonati un traffico illimitato, e che supporterà anche le funzionalità di hotspot per trasformare il proprio cellulare in un vero e proprio router. Questo si riflette ovviamente sui costi dell’abbonamento e la qualità del servizio, destinati a concorre non solo con le reti mobile, ma in un certo senso anche con quelle fisse.

Il costo di Unlimited Red+ è di 39,99 Euro al mese e comprende:

  • SMS illimitati
  • Chiamate illimitate (con 1000 minuti garantiti per l’estero)
  • Connessione 5G illimitata
  • 500 minuti di roaming gratuiti extra-UE

Per sfruttare i vantaggi di questa rivoluzionaria infrastruttura 4G è necessario possedere uno smartphone abilitato a questa tipologia di rete, e capace di sostenere un traffico dati da 1Gbps.

Il Direttore Technology di Vodafone, Fabrizio Rocchio, in sede di conferenza stampa, ha discusso dell’importanza di portare anche in mobilità le connessioni illimitate:

La rete mobile serve ai nostri clienti per l’80% del tempo e macinava il 20% dei dati. All’opposto la rete fissa, che generava l’80% del traffico nel 20% del tempo. Ma le percentuali stanno cambiando. E la rete deve anticipare le esigenze dei clienti

Lascia un commento

avatar