Intervista
Nuova puntata delle interviste esclusive di UpGo.news. Oggi parliamo di tv, digitale terrestre e di Vuemme, un’ emittente tutta nuova che però nasce dalle ceneri di un marchio storico del passato: VideoMusic, poi inglobata in TMC2. Se volete sapere cosa si sono inventati con Vuemme, continuate a leggere la nostra intervista a Riccardo Lucchesi, uno dei protagonisti di questa avventura editoriale.

Oggi qui su UpGo.news presentiamo un canale tutto nuovo del digitale terrestre. Si chiama VUEMME ed è una tv musicale che richiama nei contenuti e nello stile la mitica, leggendaria VideoMusic. Emittente che ha caratterizzato un’ intera generazione di appassionati e che nel tempo è passata dalla proprietà originaria del Gruppo Marcucci a Cecchi Gori, che ne decretò la scomparsa trasformandola in TMC2. Oggi VideoMusic è pronta a rinascere?

Vuemme Tv

Anche TMC2 ebbe vita relativamente breve e, passata sotto il controllo di Telecom Italia divenne MTV (nello stesso periodo in cui TMC divenne La7). In tempi più recenti il canale occupato da MTV, il numero 8, è passato nelle mani di Sky per la sua rete free TV8.

Eppure un manipolo di giovani non ha dimenticato i fasti dell’ originale VideoMusic e ha tentato di riportarla un po’ in vita con un progetto comunque tutto nuovo e assolutamente indipendente. Ecco la nostra intervista a Riccardo Lucchesi, il papà di VUEMME, rete tutta nuova del digitale terrestre italiano e forse una delle novità editoriali più interessanti degli ultimi mesi.

Ricordiamo ancora una volta che i contenuti di UpGo.news sono esclusivi. La riproduzione parziale di questa intervista presso altri blog, siti e forum è consentita solo previa citazione e link al nostro news blog. Detto questo, passiamo subito alle domande e andiamo a conoscere questa VideoMusic 2.0.

Redazione UpGo.news: Ciao Riccardo e grazie per il tempo che ci stai dedicando. Come nasce il sogno di riportare in vita VideoMusic?

Riccardo: Io, per questioni d’ età faccio decisamente parte della VideoMusic generation. Ho avuto anche la fortuna di lavorare per alcuni mesi per VideoMusic, quando ancora era in mano ai Marcucci. Poi sono stato costretto a partire per il militare e tornato ho trovato VideoMusic in mano a Cecchi Gori. Brutta situazione. I suoi manager, che di musica non capivano niente, stavano già snaturando il progetto. E infatti poi il canale è stato trasformato in TMC2, una scelta che si è rivelata fallimentare. Poi, come sappiamo, tutto è finito in mano a Telecom e ad MTV. In tutto questo si perse non solo il canale ma anche un archivio immenso di documenti, clip e trasmissioni. Un vero peccato. E da appassionato volevo fare qualcosa.

Redazione UpGo.news: Ma il materiale d’ archivio non è stato acquisito da MTV?

Riccardo: Macché. MTV è una macchina da guerra appartenente ad un gruppo immenso. Non ha avuto proprio considerazione per quegli archivi preziosi fatti di concerti, trasmissioni e clip. Ti do una notizia molto triste per i fan: MTV distrusse da subito gran parte di quegli archivi ricchissimi. Hanno trattenuto alcuni nastri originali di videoclip, per poi riempire il canale MTV GOLD ma la parte dei programmi non è mai stata nemmeno acquisita da Viacom. Ovviamente molti videoclip musicali sono reperibili presso le case discografiche ma molto prodotto culturalmente pregiato, come i concerti e le autoproduzioni della vecchia VideoMusic è andato totalmente perduto.

Redazione UpGo.news: E Vuemme….?

Riccardo: Noi siamo nati da poco. Inizialmente abbiamo sperimentato un po’ i nostri format, per alcuni mesi, sul canale nazionale 147. Ovvero SosTelevision, veicolata dal gruppo Persidera. Trasmettevamo però solo da mezzanotte alle 7 del mattino. Una fascia oraria poco appetibile sia per coinvolgere nuovi spettatori ma soprattutto per gli inserzionisti pubblicitari. Questo esperimento è partito nel 2016 ed è finito la scorsa estate. I primi ascolti, anche se solo di notte, sono andati anche piuttosto bene. Andavamo molto meglio del canale che ci ospitava e che di giorno aveva la sua programmazione. Poi dalla scorsa estate siamo partiti invece con un palinsesto tutto nostro, h24. L’ idea iniziale comunque risale già al 2012, quando c’ è stata una reunion di un po’ di vecchi conduttori di VideoMusic. C’ erano Mixo, Gianfranco Monti, Clare Ann Matz, Johnny Parker. E altri che sicuramente sto dimenticando. Comunque siamo un gruppo tra i 30 e i 40 anni. Abbiamo comunque la registrazione di questa riunione e sicuramente presto la ritrasmetteremo sul canale. Però sia chiaro: il nostro obiettivo comunque non è rifare VideoMusic. VideoMusic è morta e la sua anima non può essere recuperata. Noi facciamo una tv ispirata a VideoMusic e alla sua filosofia. Aperta, trasversale, sensibile ai temi della convivenza, della non violenza e del rispetto.

Redazione UpGo.news: Però avrete avuto qualche contatto con la famiglia Marcucci…

Riccardo: No no. La famiglia Marcucci non è più interessata a VideoMusic e tantomeno alla nostra Vuemme. Non abbiamo alcun contatto.

Redazione UpGo.news: E invece con Viacom? Non avete paura di farli arrabbiare visto che comunque gli eredi formali di VideoMusic sono loro?

Riccardo: No. MTV del materiale da noi utilizzato non se ne fa nulla. Non lo ha mai utilizzato e gran parte, come ti dicevo, è perso per sempre. Noi lo abbiamo recuperato in maniera certosina. Poi il nostro palinsesto non è quello di VideoMusic in realtà. Fai conto che su 24 ore noi trasmettiamo materiale vecchio di VideoMusic per 15 minuti al giorno circa. Le teche, diciamo così, sono fondamentalmente dentro il programma Rewind Project, dove approfondiamo dei temi insieme ai VJ e allora mandiamo vecchi clip e interviste del passato. In maniera, diciamo così, documentaristica. Per il resto facciamo roba attualissima, nello stile di VideoMusic di allora. Ma i video che mandiamo sono perlopiù nuovi. Non siamo una tv di teche. Questo ci tengo a precisarlo.

Redazione UpGo.news: MTV ha smesso di fare la televisione musicale. Sembrava ad un certo punto che non ci fosse più spazio per la musica in tv.

Riccardo: MTV ha tradito la sua mission, diventando un canale normalissimo come può essere un RealTime, dove prevale un genere factual veramente brutto da vedere. Nell’ ultimo periodo poi c’ è da dire che hanno dovuto affrontare il problema, il cavillo legale, della LCN numero 8. Per mantenerla, così come ha fatto la vecchia DeeJay Tv, hanno dovuto virare sul generalista proprio perché l’ 8 e il 9 non era posizioni da tematiche musicali. Cosa che invece noi di Vuemme siamo.

Redazione UpGo.news: Quindi la musica in tv non è in crisi…

Riccardo: Secondo me no. Però certo che i gusti dei ragazzetti a forza di MTV sono cambiati. E magari a loro oggi non interessa VideoMusic ma i reality con le ragazze di 16 anni incinta. Per me quella è la distruzione della tv. Però ci sono anche cose interessanti sul digitale terrestre. A volte becco di notte le monografie di Rai5. Ecco, noi vogliamo portare in tv cose simili. La musica ma anche il racconto della musica, con le storie e le parabole degli artisti. Rai5 è un canale che apprezzo tantissimo.

Redazione UpGo.news: La differenza tra voi e tutte le altre radio tv?

Riccardo: Ora ci sono quelle del Gruppo Mediaset che adesso è una vera corazzata anche sulla radio. Noi rispetto a loro siamo delle pulci, un granello di sabbia. Poi c’ è anche RTL che apre canali su canali. Sono dei giganti. Noi dobbiamo trovare il nostro spazio con investimenti ovviamente molto più contenuti. Secondo me, alla fine, la proposta dei canali dei grandi editori è ridondante. Noi siamo convinti davvero di fare qualcosa di diverso. Ho guardato un po’ RadioFreccia ad esempio e ti dico la verità, io preferisco Vuemme. Non abbiamo proprio voglia di sembrare come gli altri. Diamo spazio all’ indie e ai cantanti che proprio non conosce nessuno. Il nostro è un progetto molto diverso, come negli anni ’80 era VideoMusic.

Redazione UpGo.news: E con Red Ronnie non avete nessun contatto? Il vostro progetto ricorda anche un po’ la sua Roxy Bar Tv che va in streaming online.

Riccardo: Hai ragione. La questione qui sarebbe meramente economica. Noi non siamo un grande editore. Siamo un gruppo di 30-40enni e abbiamo messo su una televisione. Non volevamo creare una tv lavatrice, come le chiamo io. Come sono tante locali. Televisioni che mandano televendite h24 e pensano solo al fatturato. Noi invece la tv ce l’ abbiamo nell’ anima. Lo facciamo per passione ma siamo ottimisti sulla possibilità di andare avanti. Lo spirito ti giuro è quello delle radio libere anni ’70. Ovviamente dobbiamo far quadrare anche noi i conti.

Redazione UpGo.news: E come li fate quadrare questi conti? Raccogliete da soli la pubblicità per Vuemme?

Riccardo: La raccolta pubblicitaria è tutta interna. La nostra concessionaria ce la siamo inventata, contattando persone che volevano essere coinvolte nel nostro progetto. Adesso abbiamo un agente anche nel Lazio, dove stiamo per debuttare. Ovviamente sono professionisti che si sono innamorati del nostro canale. Magari non seguono solo Vuemme ma anche altri prodotti editoriali. E poi ci sosteniamo con la produzione, coprendo eventi. Abbiamo fatto il Pistoia Blues che andrà in onda sul canale a dicembre e il Lucca Jazz. Poi stiamo cominciando a fare piccoli concerti rock ed eventi così, spariti dalla televisione. Sulla nostra pagina Facebook trovi il palinsesto che è un continuo divenire. E tra poco, siamo un po’ in ritardo, arriverà il sito internet che sarà sia uno strumento di contatto ma anche un piccolo YouTube con tutti i nostri contenuti consultabili on-demand. Dal punto di vista pubblicitario crediamo comunque molto nel branded. Con i programmi sponsorizzati capaci di portare il partner dentro il programma. Non abbiamo e non avremo molti spot tradizionali ma qualcosa di più innovativo, che faccia sentire il nostro sponsor maggiormente coinvolto nel progetto.

Redazione UpGo.news: Andiamo al sodo. Dove vi troviamo adesso?

Riccardo: sull’ 813 in Toscana, sul mux di TV9-Telemaremma e siamo anche in Lombardia. Con il multiplex lombardo, arriviamo anche alle porte di Torino. In Lombardia siamo trasmessi 24 ore su Telestella. Prossimamente saremo h24 anche nel Lazio e poi in time-sharing con altre emittenti in Liguria e Calabria. E poi siamo in streaming on line su www.vuemmetv.it. Il nostro progetto di espandere il segnale procede ma non è facile. I tempi ministeriali per questo genere di concessioni sono davvero lunghi. Considera che per partire abbiamo dovuto aspettare i loro tempi, un po’ fantozziani. Ci hanno messo un anno e mezzo per darci l’ ok e ci hanno costretto poi a partire entro 7 giorni dall’ arrivo dell’ autorizzazione. Una cosa incredibile. Diciamo che il sistema del DTT, dal punto di vista normativo, non funziona benissimo.

Redazione UpGo.news: La fatidica domanda… progetti per il futuro?

Riccardo: Guarda. Tante idee. Ma andiamo davvero avanti mese per mese, incontrando un sacco di persone e vecchi fan di VideoMusic. Sappiamo che non è facile ritagliarci un nostro spazio tra grandi editori nella tv digitale.

Redazione UpGo.news: Un accenno a quella che forse è una leggenda. Si diceva anni fa che alla fine Cecchi Gori, stesse pensando di resuscitare VideoMusic e di chiudere TMC2, progetto andato male. Poi però vendette tutto a Telecom Italia.

Riccardo: Ero già fuori dalla società e non ti so dire. Sicuramente TMC2 non riuscì a sfondare e il progetto era fallimentare in partenza. Con TMC2 Cecchi Gori si fece concorrenza da solo. Una generalista ce l’ aveva già, TMC e avrebbe potuto sfruttare quella rendendo VideoMusic la sua Italia1. Una rete dedicata ai giovani. In quel periodo il progetto era veramente innovativo ed MTV era ancora di nicchia.

Redazione UpGo.news: Buona fortuna davvero per questo vostro canale tv. Noi vi seguiremo e torneremo presto ad ospitarvi per raccontare i futuri progetti di Vuemme Tv.

Riccardo: Prima di salutarci lasciami citare la squadra di Vuemme al gran completo:
Marco balboni è il grafico di tutto. I tecnici sono Alessio Profili, Daniele Coturri, Alida Fornari. Il tecnico di emissione Andrea Menci. I contenuti indie vengono prodotti, gestiti e inventati da Dario Riva e Ivaldo Riva. Per la parte di gestione segnali Paolo Marchetti.
I nostri sostenitori morali nei problemi di tutti i giorni sono Zio e Zia Rock di Radio Garage, Daniele Marroni che ci ha dato una grossa mano per la parte dei playout, Valentina Pianezzi che traduce gli special, Paolo Lars di Radio Roma Sud.

Redazione UpGo.news: Ringraziamo Riccardo Lucchesi per il tempo che ci ha dedicato. Per le altre notizie sulla tv digitale cliccate qui. Restate in contatto con noi, anche via Facebook, per non perdere le nostre news esclusive. Mettete il vostro like alla Pagina Facebook di UpGo.news.

Vuemme Logo

SHARE

Lascia un tuo commento