La questione 5G è apertissima ovviamente per i nostri gestori telefonici. Tecnologia ricca di opportunità in cui si investiranno tantissime risorse a fronte di ricavi futuri che in teoria saranno notevoli. Così come importanti saranno anche le ricadute in termini di innovazione e sul fronte occupazionale.

copertura Wind 3
Wind Tre. Le parole dell’ AD Hedberg sul 5G e sul futuro della joint venture.

E di innovazione, Jeffrey Hedber Ceo di Wind-Tre, ha discusso nel corso del VII Summit Italy Meets the United States of America, che si è tenuto a Milano. L’ AD di Wind Tre ha parlato della creazione di un nuovo ecosistema capace di inglobare in sé diverse applicazioni. Si torna quindi a parlare non solo di telefonia e internet ma dei molteplici altri mestieri che le telco impareranno a svolgere nei prossimi anni. Contenuti, pagamenti elettronici ma anche, sempre al centro del nuovo 5G, l’ internet delle cose.

Sembra proprio che TIM, Wind-Tre, Vodafone ma anche Fastweb siano concordi, ognuno a suo modo, nell’inseguire il futuro contando su applicazioni innovative che cambieranno la vita di tutti. Cittadini e imprese ma anche pubblica amministrazione.

Secondo Hedberg, l’Italia per poter affrontare questi cambiamenti ha bisogno di maggiori certezze e regole sulle nuove tecnologie e loro applicazione.

Hedberg ha anche parlato della partnership con Open Fiber per lo sviluppo della rete e il nuovo ecosistema in 5G, a Prato e L’Aquila.

Il 5G non è solo velocità, ma è una tecnologia che crea un ecosistema per innovare e portare sul mercato applicazioni e soluzioni in ambiti diversi: telemedicina, education, smart home, smart cities e realtà aumentata.

E’ una priorità per l’Europa e permetterà all’Italia, in particolare, di valorizzare competenze, persone, partnership e innovazione nel suo percorso di Digital Transformation.

Quindi dobbiamo prepararci nei prossimi anni a vedere sotto una luce molto diversa i gestori telefonici: non più fornitori di singoli servizi e tariffe fine a se stessi per chiamare, navigare e inviare messaggi ma offerte sempre più ampie e diversificate che ingloberanno tutti i campi della vita quotidiana.

Pensiamo a TIM e la sua rete appositamente creata per sviluppare l’Internet delle cose, Vodafone verso applicazioni e dispositivi di domotica, Fastweb che punta sulla realtà virtuale. Lo scenario è questo, meglio abituarsi perchè potrebbe anche fare un po’ paura ma è il futuro alle nostre porte. Che ci piaccia o no! Vai alle proposte passa a Wind e passa a 3.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here