Il gestore telefonico CoopVoce sarebbe pronto per due importanti debutti, quello nella telefonia fissa, con un’offerta internet + telefono di casa e una nuova piattaforma nella telefonia mobile, finalmente in qualità Full Mvno. Arrivano in queste ore ulteriori indiscrezioni sullo storico virtuale italiano e questa volta, le conferme arrivano direttamente da un sondaggio inviato da CoopVoce ai propri clienti e segnalato da Alberto Ferrante sulle pagine di MondoMobileWeb.it.

CoopVoce logo
CoopVoce starebbe pensando alla telefonia fissa e al passaggio a FULL MVNO. Ecco le novità dal primo storico virtuale italiano.

CoopVoce potrebbe a breve debuttare anche nella telefonia fissa. Per il momento, sono semplicemente indiscrezioni confermate comunque da un sondaggio che il brand telco della grande distribuzione Coop ha somministrato ad un gruppo di propri clienti.

Una delle domande del sondaggio spiega in maniera decisamente chiara che CoopVoce sta preparando un’offerta sul fisso, con un prezzo compreso tra i 20 e i 25 euro. Ovviamente CoopVoce vuole tastare il polso e capire quanti clienti Coop sarebbero effettivamente interessati ad affidarsi al proprio marchio anche per il telefono di casa. Nell’offerta CoopVoce sarebbero incluso chiamate e connessione internet.

Tariffa Migliore Oggi

Si tratterebbe di un’offerta sul fisso vera e propria, diversa quindi dalla scelta dell’altro grande MVNO italiano, PosteMobile che invece veicola un’offerta denominata PosteMobile Casa basata però su network mobile, nello specifico, quello Vodafone. Se l’avete persa, potete leggere la nostra completa recensione sui servizi di telefonia fissa PosteMobile a questo link.

Tornando a CoopVoce, l’altra grande novità riguarda il possibile passaggio alla modalità operativa da Full Mvno. Ovvero un operatore virtuale “completo”, dotato di proprie tecnologie e infrastrutture e che si affida al gestore partner infrastrutturato solamente per quanto riguarda il collegamento finale all’antenna posta sul territorio.

CoopVoce si renderebbe in questo modo maggiormente indipendente da TIM. Sarebbe quindi in grado di emettere proprie sim e, in linea teorica, anche staccarsi da Telecom Italia per agganciarsi ad altre rete mobile, magari con accordi più convenienti.

La notizia non è assolutamente ancora confermata dall’azienda. Un eventuale passaggio alla modalità Full MVNO renderebbe comunque indispensabile la completa sostituzione delle sim ora in circolazione. Per i clienti, il passaggio a Full, non è detto che sia un bene. Nel passato, alcuni passaggi a full mvno dei diversi virtuali, hanno causato spesso disagi alla clientela. Lo status di full prevede infatti investimenti e risorse che non è detto siano alla portata di CoopVoce, un brand integrato all’interno di un gruppo che ha il focus in tutt’altro business. Ma vedremo come se la caverà la Coop in questa nuova avventura.

Come sempre, noi di UpGo.news vi aggiorneremo su tutte le novità. Continuate a seguirci.

SHARE

Lascia un commento

avatar