Home » Blog Telefonia » MVNO » Kena Mobile Copertura. Opinioni sulla rete del gestore

Kena Mobile Copertura. Opinioni sulla rete del gestore

Kena Mobile, la copertura. Dopo aver tanto parlato di Kena Mobile entriamo più nello specifico scrivendo copertura di Kena Mobile, il brand a basso costo di casa TIM. Kena Mobile prende bene? Internet va abbastanza veloce? Ma usare Kena Mobile è come usare TIM? Cosa cambia a livello di rete tra Tim e Kena? Se state cercando i prezzi e le tariffe di Kena Mobile potete leggere questo nostro post dedicato.

Kena Mobile copertura. Titolo del post
Kena Mobile Copertura. Tutto quello che c’ è da sapere sulla copertura di Kena Mobile.

Cercheremo di rispondere, in breve, a tutte le vostra domande sul tema della copertura di Kena Mobile.

In breve, vi elenchiamo qui gli argomenti trattati da questo nostro articolo:

A chi si appoggia Kena Mobile

Lanciato ufficialmente nel 2017, questo particolare operatore virtuale di telefonia mobile è – tecnicamente parlando – un Full MVNO, che si appoggia sulla rete TIM. Il logo del brand ritrae un uomo che imbraccia una lancia, riferendosi proprio a Kena, un guerriero di antiche leggende polinesiane.

Ufficialmente Kena nasce dalle ceneri della quasi defunta Noverca, nata inizialmente come operatore virtuale per poi diventare un MVNA (Mobile Virtual Network Aggregator) a partire dal 2015.

Dopo aver ceduto circa 170 mila clienti a TIM, Noverca venne successivamente assorbita completamente dal gestore blu, portando poi alla nascita nel 2017 di un nuovo sotto-brand Full MVNO denominato appunto Kena Mobile. Kena vuole accontentare quella fascia di utenti alla ricerca di offerte convenienti e a basso costo.

La copertura della rete Kena Mobile

Trattandosi quindi di un operatore su rete TIM, la copertura di Kena Mobile si affida e corrisponde a quella dell’omonima rete, con tutti i pro e contro del caso. Generalmente, come afferma il sito stesso, Kena punta a garantire una copertura estesa fino al 4G praticamente in tutta Italia. È possibile verificare la copertura di Tim direttamente sul sito Kena a questo link.

Come detto però, la copertura della rete dipende sostanzialmente da quella dell’operatore a cui si affida per erogare il proprio servizio. Il lato negativo tuttavia risiede nel fatto che trattandosi di un gestore Full MVNO, non sorprende che, rispetto a TIM, ci sia qualche difettuccio in più. Sopratutto sulla stabilità del segnale di rete.

Durante la nostra prova, è capitato di avere il segnale presente ma la rete non funzionante. Problema che il più delle volte si risolve mettendo lo smartphone in modalità aereo.

In generale, la nostra personalissima sensazione è che difficilmente Kena riesce a sfruttare pienamente la potenza della rete di TIM. Al netto del fatto che, come scriveremo tra qualche riga, Kena non può utilizzare il 4G+ e nemmeno il 5G di Tim.

La velocità di rete Kena Mobile

Attualmente l’operatore, su rete 3G promette di raggiungere una velocità di circa 43 Mbps in download e 5.76 Mbps in upload. Sul versante 4G si presenta una limitazione ai soli 30 Mbps in download e 5.76 Mbps in upload. Sulla carta possono sembrare differenze minime, ma questo preclude alla rete 4G di raggiungere la massima velocità. Come detto quindi Kena Mobile non può usare il 4.5G (o 4G+).

Oggi limitazioni di questo genere fanno decisamente storcere il naso, considerando che anche altri operatori virtuali si stanno adoperando per offrire dei servizi di navigazione migliori.

Bisogna comunque precisare che nonostante queste limitazioni, l’oscillazione tra i 5 e i 10 Mb non intacca in maniera gravosa la fruizione dei contenuti anche video.

Servizi gettonati come Netflix, complice la risoluzione adattiva del segnale in base alla velocità di connessione, permettono di seguire film e serie TV anche in alta definizione (ma dimenticatevi il 4K). Nessun problema anche sul fronte della messaggistica, così come i social network o siti più pesanti, tutto funziona nella maniera più agevole possibile senza troppi ritardi nei caricamenti, proprio come una linea ADSL da 10 Mega.

Le limitazioni di Kena rispetto a Tim

4G

Tutto sommato Kena nasce come alternativa a basso costo per coloro che vogliono navigare e chiamare senza incorrere in costi mensili esosi, e da questo punto di vista la scelta appare anche sensata, ma questo potrebbe danneggiare in maniera critica il brand principale nel prossimo futuro.

Sembra palesarsi in maniera costante un potenziale conflitto interno tra Tim e Kena che potrebbe portare ad una forte concorrenza involontaria. Eventualità di cui spesso si parla molto sul web, e da non sottovalutare se consideriamo una certa insistenza da parte di TIM nel proporre promozioni di tipo operator attack, spesso ben più appetibili di quelle proposte dalla stessa Kena.

In caso di problemi poi, Kena Mobile cerca di non abbandonare mai i suoi clienti, ma anche qui subentrano testimonianze constanti: il call center (numero 181) per nostra esperienza si comporta però più che dignitosamente.

Bella certezza è la pagina social del gestore, dove l’assistenza al cliente risulta efficiente e quasi impeccabile. Immancabile poi, anche la presenza della consueta applicazione per dispositivi iOS ed Android, dalla quale verificare tutti i consumi della propria SIM,

Un punto a favore niente male se si pensa che proprio Iliad, nel suo volere premiare la trasparenza, manca proprio di una app ufficiale da cui monitorare tutti i consumi mensili o il credito residuo. Un compito al momento riservato solo alla pagine web, nell’area personale dell’utente.

Per ricevere la SIM basterà presentare un documento d’identità e il QR code ricevuto via mail dopo aver siglato il contratto con l’operatore telefonico.

Si tratta chiaramente di una strategia che tenta di rincorrere proprio le SIM BOX che Iliad sta cercando di diffondere a macchia d’olio in tutto il territorio, e dato che la competizione aiuta sempre, per Kena Mobile si tratta di un servizio aggiuntivo oltremodo lodevole che permetterà di mettere le mani sulla SIM in maniera ancora più rapida, senza necessariamente attendere l’arrivo di un corriere, ma magari di acquistarla direttamente sotto casa (in via ipotetica ovviamente).

Kena Mobile quindi vale la pena?

Per Kena ovviamente Iliad resta ancora oggi quell’ostacolo insormontabile, l’unico operatore autonomo capace attualmente di offrire un servizio di rete (anche in 4G+ e in 5G) con prestazioni di ben più alto livello, e più in generale delle promozioni aggressive con tanti iiga, chiamate e pochissime limitazioni.

Per quanto ci riguarda, l’operatore virtuale di TIM può comunque soddisfare una larga fetta di consumatori, a patto di non pretendere una connessione di altissimo livello. I meriti vanno forse proprio alla competitività dei prezzi, nettamente inferiori rispetto agli operatori principali della scena mobile italiana.

Ma vi sono tanti buoni propositi in cui è possibile intravedere la volontà combattiva di un gestore nato frettolosamente, ma che non si arrende alla grande influenza dell’operatore francese sul mercato nostrano.

Come configurare Kena Mobile

Come ogni altro operatore, la configurazione dell’APN di Kena Mobile dovrebbe avvenire in maniera automatica con l’inserimento della SIM, se così non fosse ovviamente esiste anche la configurazione manuale, per dispositivi con sistema operativo Android oppure iOS.

Per chi non avesse ancora chiaro l’esatto funzionamento delle APN, si tratta dell’acronimo che sta per Access Point Name ovvero Nome Punto di Accesso.

Sono specifiche configurazioni rese note dagli operatori per il corretto funzionamento della SIM sul proprio smartphone. Queste inoltre sono la “chiave di accesso” per utilizzare in maniera corretta ala rete internet fornita dal gestore telefonico.

La connessione APN inoltre permette di sfruttare il telefono come un vero e proprio router esterno al quale collegare altri apparecchi di rete.

È giusto precisare, inoltre, che il settaggio dell’APN deve avvenire in maniera corretta, per evitare problemi di connessione, oppure degli sbalzi nei consumi (e quindi dei relativi costi) dell’offerta attiva sulla SIM.

Nel corso degli anni molti operatori telefonici si sono adeguati offrendo un solo APN per l’accesso alla rete internet, evitando quindi di intaccare i consumi delle offerte in uso.

In alcuni casi troviamo anche degli operatori che riducono al minimo le procedure per la configurazione, ma non è questo il caso di Kena Mobile, che richiede espressamente la configurazione dell’APN e dell’MMS.

Configurazione Kena Mobile per Android

Su Android bisogna recarsi nelle Impostazioni > Rete e Internet > Rete Mobile > Nomi punti di accesso.

Giunti nel menù di configurazione è possibile creare un nuovo APN inserendo le seguenti diciture:

Nome: Kena Mobile (o qualsiasi che vogliate voi)
APN: web.kenamobile.it
Tipo APN: default
Per gli MMS create un nuovo APN seguendo queste impostazioni:

  • Nome: Kena MMS (o qualsiasi che vogliate voi)
  • APN: mms.kenamobile.it
  • Protocollo: HTTP
  • Homepage: http://mms.kenamobile.it/
  • Proxy: 10.248.1.12
  • Porta: 80
  • Tipo APN: mms

Una volta registrate tutte le impostazioni, la SIM procederà ad attivarle connettendosi alla rete internet.

Configurazione Kena Mobile per IOS Apple

Il procedimento per attivare l’APN sui dispositivi con sistema operativo iOS non è molto diverso da quello Android. Basta recarsi nelle voci Impostazioni > Cellulare > Opzioni dati cellulare > Rete dati cellulari e inserire tutti i dati dell’APN di Kena Mobile:

Dati cellulare / APN: Kena Mobile
MMS / APN: web.kenamobile.it

Come funziona la copertura degli operatori virtuali?

Dato che abbiamo citato in più occasioni la natura MVNO di Kena Mobile, ci sembra doveroso spendere “qualche parola” anche su questo acronimo ricorrente che accompagna questi operatori, spesso definiti virtuali. Ma perché li definiamo operatori virtuali?

MVNE sta per Mobile Virtual Network Enabler, e indica tutte quelle compagnie che mettono al servizio di altri operatori virtuali la propria piattaforma fornendo un servizio clienti, fatturazione del cliente, e una raccolta di statistiche di consumo del traffico.

Nella maggior parte dei casi questi provider gestiscono anche tutta la sezione legata alla messaggistica come gli SMS e gli MMS. Un network di tipo “Enabler” funge quindi soprattutto da tramite tra l’operatore virtuale e l’operatore reale (MNO) che fornisce appoggio con la propria rete.

MVNO sta per Mobile Virtual Network Operator, una sigla battezzata agli inizi degli anni ’90 e indica tutte quelle piccole compagnie telefoniche che si appoggiano sullo spettro radio di altri operatori telefonici reali per erogare il proprio servizio, ovvero gli operatori virtuali.

Principalmente le MVNO sono aziende molto piccole, ma anche molto diffuse grazie alla loro particolare condizione. L’assenza di una licenza per la diffusione della rete permette loro di proporre delle offerte diametralmente opposte a quelle degli operatori reali, garantendo dei costi più appetibili, meglio identificate oggi come le “promozioni low-cost”.

Al contempo, i costi ridimensionati delle loro offerte si riflettono comunque su dei servizi di rete non sempre eccellenti, penalizzati appunto dalla necessità di appoggiarsi agli altri operatori. Alcuni operatori virtuali sono infatti ancora legati alle connessioni in 3G.

Esistono poi anche i Full MVNO, ovvero l’operatore virtuale che gestisce in piena autonomia il servizio clienti, la fatturazione e le analisi del traffico dati, insieme a tutti gli altri potenziali servizi che potrebbe garantire una piattaforma MVNE. Tutto ovviamente ad eccezione della rete, che resterà in ogni caso di proprietà dell’operatore reale con cui la MNVO ha stretto i propri accordi per la fornitura di rete. Per approfondire l’argomento potete leggere il nostro articolo con l’elenco aggiornato degli MVNO presenti in Italia.

Conclusioni alla Copertura di Kena Mobile

Una conclusione che condividiamo sempre, al termine delle nostre recensioni. Lungi da noi voler dare verità assolute ai nostri follower. Si tratta semplicemente della nostra opinione in merito a determinati argomenti.

Per questo, come per tutte le altre opinioni, vi chiediamo di aiutarci a completare questo articoli con la vostra esperienza diretta. Come vi trovate con Kena Mobile in termini di copertura? Kena Mobile funziona bene come un normale gestore infrastrutturato?

Dite la vostra nello spazio commenti più in basso, dopo la nostra “pagella” finale del servizio Kena Mobile.

6 commenti su “Kena Mobile Copertura. Opinioni sulla rete del gestore”

  1. Io mi sono trovato molto male. La rete è instabile (e non sono nemmeno sicuro che abbia la stessa copertura di TIM), la velocità di navigazione è pessima e sopratutto (nessuno lo ha ancora detto) per gli utenti Apple, Kena non supporta iMessage e FaceTime! Quindi per usufruire di questi servizi, bisogna utilizzare l’account Apple e non il numero di telefono; quindi il ricevente riceverà il messaggio/chiamata da una mail, anziché dal telefono ma se ti scrive, lo farà sul numero telefonico… quindi doppie chat a gogo e confusione assicurata! Attratto dall’offerta e dalla rete TIM, mi sono pentito e sono tornato a Iliad…

    Rispondi
  2. Un operatore alla mia richiesta di assistenza perche’ un casa mi dava solo emergenza mi ha risposto che tra le mura domestiche non e’ garantito il servizio .
    Una stronzata cosi non puo’ passare inosservata .
    mai sentita una cosa del genere

    Rispondi
  3. Io ho notato una cosa che andando ad un paese vicino x una mia amica internet nn prende per niente quando invece vedendo la mappa per la copertura dice il contrario..e nn solo quello ma, anche ogni volta che chiamo internet nn va.. Insomma se chiami nn puoi navigare. Sto pensando di cambiare gestore…

    Rispondi
  4. Devo assolutamente riferire la mia esperienza con Kena, spesso deludente purtroppo come copertura (prov. di Firenze) ma soprattutto un disastro nel roaming all’estero, dove mi sono recata varie volte e sempre con problemi all’andata e al ritorno: infatti ti dicono di sbloccare la Sim inviando un msg Dati On (che dovrebbe essere gratis e una tantum, invece ho dovuto inviarlo più volte e te lo addebitano, salvo poi restituire i soldi previa protesta…), ma soprattutto non funzionava lo stesso niente, nemmeno per chiamare, quindi servizio clienti neanche a parlarne…. in pratica ho dovuto faticosamente scoprire da sola che esiste una icona Sim su display dello Smartphone, e se non vai su quella per abilitare il roaming, niente da fare…. Roba da matti, poi avendo una Sim Kena su Smartphone ed un’altra, sempre Kena, su un vecchio cellulare di riserva, quest’ultimo, non avendo le icone Sim, in pratica era fuori uso, e ho dovuto estrarre la Sim e abilitarla inserendola nello Smartphone, non facile perché il formato era diverso….un calvario!!!!

    Rispondi
  5. La sensazione è che gli operatori virtuali Kena e Ho siano operatori “Stitici”, cioè tenendo sempre sott’occhio ILIAD, non diano tutto ciò che è possibile a prezzo trasparente ma, concedano qualcosa in più mano a mano che ILIAD migliora le sue performances.

    Rispondi

Lascia un commento