Home » Energia » I blackout a Milano per i consumi energetici continueranno

I blackout a Milano per i consumi energetici continueranno

Con l’arrivo della prima ondata di calore estivo, Milano ha sperimentato un aumento record nel consumo di energia, causando interruzioni della rete elettrica e vari blackout in diverse zone della città. Questo fenomeno, dovuto principalmente all’uso intensivo dei condizionatori, ha evidenziato l’importanza di una gestione più attenta dei consumi energetici, sia per risparmiare sulle bollette sia come atto di tutela verso l’ambiente. Vediamo più da vicino cosa è successo.

Prima di proseguire, vi ricordiamo che se desiderate restare aggiornati sui nostri contenuti, potete unirvi alla community di UpGo. Offriamo vari canali Telegram tematici e una newsletter. Troverete maggiori informazioni a questa pagina.

Picco di consumi preoccupanti

Il 27 giugno, Milano ha raggiunto il picco annuale del consumo di energia, con una crescita del 40% rispetto all’inizio del mese. Le interruzioni del servizio hanno interessato principalmente i quartieri del Municipio 2, nella zona Est della città, ovvero Stazione Centrale, Gorla, Turro e Crescenzago. Il primo quartiere a sperimentare un blackout è stato il Lorenteggio, dove l’energia elettrica è mancata per 14 ore a causa di un doppio guasto.

Questi blackout, oltre a causare disagi ai cittadini, hanno sollevato preoccupazioni riguardo l’impatto ambientale di un consumo energetico così elevato. L’uso massiccio di condizionatori, infatti, comporta un elevato consumo di energia elettrica, con conseguente aumento delle emissioni di gas serra.

Le misure intraprese

In risposta a questi eventi, Unareti, l’azienda che si occupa della distribuzione della corrente in città, ha annunciato un piano di investimenti per oltre 1 miliardo di euro per aumentare la resilienza della rete elettrica di Milano. Questo piano mira a sostenere l’elettrificazione dei consumi in corso e a prevenire futuri blackout.

Tuttavia, mentre gli investimenti infrastrutturali sono cruciali, è altrettanto importante che i cittadini adottino comportamenti più sostenibili. Ridurre l’uso dei condizionatori, ad esempio, può contribuire significativamente a ridurre il consumo di energia. Sarebbe anche utile non impostare temperature molto basse per limitare la spesa energetica o utilizzare la funzione “deumidificatore”, che riduce l’umidità in una stanza dando una sensazione di freschezza. Questo non solo può aiutare a prevenire futuri blackout, ma può anche portare a un risparmio significativo sulle bollette energetiche.

Conclusioni

In definitiva, gli eventi recenti a Milano sottolineano l’importanza di un uso più responsabile dell’energia. Nel caso milanese, mentre le autorità lavorano per migliorare l’infrastruttura, è fondamentale che i cittadini facciano la loro parte per ridurre il consumo energetico. In questo modo, possiamo tutti contribuire a proteggere l’ambiente e a garantire un futuro più sostenibile per le nostre città.


Foto dell'autore
Simone Pifferi. Copywriter freelance, può scrivere su tutto ma le sue passioni riguardano la comunicazione, il web marketing, il settore telco e l'editoria. Dopo la formazione umanistica si appassiona alla SEO, al web design e allo sviluppo di siti web. Attualmente collabora come copywriter con diverse web agency e blog di settore. Simone Pifferi su Linkedin

Lascia un commento