Home » Blog Telefonia » Iliad Italia » Iliad Volte, ovvero il “Voice over LTE”

Iliad Volte, ovvero il “Voice over LTE”

Iliad Volte

Uno dei commenti più frequenti che ritroviamo nella nostra community su Telegram quando parliamo di Iliad (qui il nostro canale tutto dedicato a iliad), riguarda un servizio che in molti utenti vorrebbero, ovvero la tecnologia VoLTE. Se siete fra i meno attenti al mondo delle tecnologie su smartphone nel prossimo paragrafo vi spieghiamo di cosa si tratta.

VoLTE: cosa significa?

Senza troppi giri di parole il VoLTE (acronimo che sta per Voice Over LTE) è una tecnologia che consente di effettuare chiamate in alta definizione mentre si sta navigando con il proprio smartphone, senza alcuna interruzione e senza dover effettuare il cambio di rete in 2G o 3G (a breve il 3G verrà anche del tutto disattivato), per consentire il corretto svolgersi della chiamata.

Generalmente il servizio VoLTE non ha costi aggiuntivi ed è incluso nel prezzo dell’offerta che si sottoscrive. Tutto ciò di cui si ha bisogno è uno smartphone compatibile, una scheda SIM abilitata e avere un gestore telefonico che ne permetta l’attivazione.

I vantaggi che porta questa tecnologia sono immediati e subito evidenti nelle chiamate che si effettuano tutti i giorni. Di norma si riesce ad avere una migliore qualità dell’audio durante una chiamata che risulterà più stabile e meno disturbata, essendo la rete 4G meno soggetta a interferenze o perdite di segnale. Un altro miglioramento è relativo alla riduzione del ritardo nella conversazione e meno effetto eco. Infine se occorre navigare con lo smartphone durante una lunga chiamata lo si può fare senza troppi rallentamenti.

Il VoLTE è un servizio già attivo nei principali brand di telefonia italiani come TIM, Vodafone e WindTre. Anche i gestori virtuali Ho.mobile e Very Mobile hanno il VoLTE attivo e forse anche questo aspetto infastidisce non poco gli utenti Iliad che invece, almeno per il momento, non sanno se e quando verrà introdotto.

Iliad VoLTE: le tempistiche

Attualmente non esistono comunicati ufficiali da parte di Iliad Italia su quando il VoLTE sarà attivato. Tempo fa sembrava questione di pochi mesi dopo l’iniziale fase sperimentale in Francia dell’operatore Free Mobile (di proprietà del gruppo Iliad) ma abbiamo visto che non è così. Se in Francia i clienti Free Mobile con uno smartphone compatibile possono attivare il VoLTE semplicemente inviando un SMS con scritto appunto “volte”, in Italia gli utenti Iliad devono ancora aspettare.

Tantissimi clienti Iliad hanno più volte lanciato delle critiche al quarto gestore telefonico italiano dicendo che il VoLTE è addirittura una tecnologia più utile nel breve periodo rispetto al 5G e vorrebbero che questo servizio sia reso disponibile al più presto, magari rallentando anche l’espansione della rete 5G.

Riteniamo che Iliad stia lavorando in sordina per esaudire le richieste dei propri clienti riguardo al VoLTE, dando comunque priorità ad altri interventi come l’espansione e il consolidamento della propria rete e una maggiore copertura per l’offerta fibra.

In molti avevano creduto (e anche noi) che durante questo 2022 il servizio VoLTE sarebbe stato reso disponibile, soprattutto perché negli ultimi mesi del 2021 era stato pubblicato sul sito ufficiale Iliad un annuncio dove si ricercavano delle figure specializzate per i lavori sulla tecnologia VoLTE. Evidentemente queste figure sono state individuate e stanno intervenendo sui vari aspetti tecnici necessari per far funzionare tutto a dovere e comunque un aggiornamento di questo tipo coinvolge in tutto e per tutto le varie infrastrutture della rete Iliad, magari dovendo andare ad intervenire fisicamente nelle varie zone. Insomma questa tipologia di lavori non si risolve con qualche semplice istruzione lanciata da remoto e forse anche il delicato momento storico in cui ci troviamo di sicuro non facilita questo processo.

Ad aggiungersi agli interventi che l’operatore deve effettuare sulla propria rete, c’è anche il discorso della compatibilità degli smartphone in quanto, per attivare il servizio VoLTE, non è sufficiente avere solamente un dispositivo abilitato, ma i singoli produttori di smartphone devono anche rilasciare degli aggiornamenti contenenti i parametri di rete che i vari gestori mobili gli comunicano.

Si capisce come il processo non sia di certo semplice e Iliad, un gestore recente rispetto agli altri, deve ancora concludere questo processo iniziato magari anni prima dai suoi vari competitor.

Senza lanciarsi in azzardate previsioni possiamo sperare che tra il primo e il secondo trimestre del 2023 ci saranno sicuramente delle novità sul fronte Iliad VoLTE e come sempre non mancheremo di tenervi aggiornati.

4 commenti su “Iliad Volte, ovvero il “Voice over LTE””

  1. E sul fronte fibra, del quale nella mia sono sono scoperto, Villanova di Bagnacavallo, quando avrò notizie positive, sono cliente mobile da 4 anni

    Rispondi
      • Il servizio clienti dice che non c’è ancora il volte. Tu chi sei per dire che c’è? Non è che sei tu che spari cazzate? Chiedo per un amico…

        Rispondi

Lascia un commento