Home » Blog Telefonia » Fibra » Quanto tempo ci vuole per cambiare operatore Fibra?

Quanto tempo ci vuole per cambiare operatore Fibra?

tempi cambio operatore fibra

Con la nascita di nuove super allettanti offerte, delle quali scriviamo costantemente qui su UpGo, si è moltiplicata (per fortuna) l’esigenza di cambiare operatore telefonico per la fibra ottica. Ma qual è il tempo medio, e quello previsto dalla legge, per la portabilità del numero e l’attivazione di un nuovo fornitore di fibra ottica?

Per molti utenti infatti il cambio di operatore per quanto riguarda la fibra ottica può apparire una procedura un po’ ostica, questo perché purtroppo, per tante ragioni differenti, soprattutto di natura tecnica, le tempistiche del cambio operatore internet fibra sono piuttosto diverse da quelle del cambio operatore per la telefonia mobile.

La cosiddetta mobile number portability (quindi quella che riguarda il nostro telefonino) infatti è piuttosto efficiente ed impiega massimo 3 giorni lavorativi. Significa che sul nostro smartphone una volta cambiato operatore telefonico, avremo attiva la nuova SIM con il nostro solito numero in circa 48-72 ore.

Leggi anche: cosa sono le Aree Bianche?

I tempi del cambio operatore fibra

cambio operatore fibra in massimo 30 giorni

Come dicevamo molto diversi sono invece i tempi per il cambio della fornitura della fibra ottica. Anche in questo caso il tutto è regolato dalla legge ed è possibile quindi tranquillamente mantenere il proprio numero telefonico. I tempi però si dilatano sia per quanto riguarda la legge che per quanto concerne la consuetudine la legge del 2007. Infatti prevede che il trasferimento debba avvenire in un massimo di 30 giorni lavorativi.

Mediamente però, da quanto vediamo nelle varie esperienze dei nostri utenti e lettori qui su UpGo, il nuovo gestore subentra al vecchio in circa una settimana / dieci giorni. Potremmo dire che sono mediamente queste le tempistiche del passaggio di un operatore fibra.

Ovviamente nei commenti a fine pagina, qui su UpGo, ci aspettiamo i vostri feedback su questo.

Essenziale nel passaggio da un operatore all’altro per la fibra ottica è la corretta comunicazione del cosiddetto codice di migrazione, ovvero quel codice univoco che identifica ciascun utente della telefonia fissa e che permette una volta comunicato al nuovo gestore fibra, di chiedere il passaggio di linea al vecchio operatore fibra.

Quando cambiamo operatore per la fibra ottica. Infatti non è necessario disdire il vecchio abbonamento. È il nuovo operatore a comunicare al vecchio gestore il passaggio della linea. E questa comunicazione avviene appunto attraverso una corretta gestione del codice di migrazione, che il cliente può facilmente trovare on-line nell’area riservata del proprio gestore telefonico o sulla propria bolletta telefonica. Questo punto è veramente importante: se volete cambiare operatore per la fibra ottica, assicuratevi di avere a disposizione il CODICE MIGRAZIONE. Ok?

Disagi nel cambio operatore in fibra ottica

Parliamo però dell’aspetto più spinoso. Quello temuto dalla maggior parte dei clienti: se cambio operatore in fibra resto senza linea internet? La normativa prevede che ciò non debba avvenire e tutela quindi il consumatore finale all’atto del passaggio. Significa che il nuovo operatore deve subentrare un istante dopo la chiusura dell’altra linea. Quindi l’utente non dovrebbe avere down prolungati della propria connessione a Internet. Questo, ci dispiace dirlo, all’atto pratico, non sempre avviene stando alle testimonianze dei nostri lettori su UpGo.

Ma anche sul capitolo disservizi nel cambio operatore fibra, chiediamo il vostro feedback nello spazio commenti. A voi com’è andata?

Costi nel cambio operatore Fibra

Leggi anche: come si attiva la fibra di Iliad

A differenza della telefonia mobile, sia la disdetta che l’aggancio di una nuova linea in fibra possono per legge prevedere dei costi. Quindi il cambio operatore in fibra non sempre è gratuito, poiché spesso è accompagnato per necessità dalla visita di un tecnico in carne ed ossa, che viene in loco per l’aggancio della nuova fibra.

Alcuni operatori rendono comunque gratuito questo passaggio, almeno apparentemente, magari spalmando il costo di attivazione della fibra ottica sulle diverse mensilità di abbonamento. Ma è una scelta puramente commerciale che lascia libero ogni operatore telefonico.

Come detto ciò che ci interessa di più per quanto riguarda le tempistiche del cambio operatore in fibra sono le vostre esperienze dirette con i vari gestori. Fateci sapere come vi siete trovati commentando qui sotto, nell’apposito spazio commenti del nostro sito che, lo ricordiamo, non prevede alcuna registrazione obbligatoria.

Leggi anche: qual è la fibra che arriva a casa mia?

4 commenti su “Quanto tempo ci vuole per cambiare operatore Fibra?”

  1. Ho richiesto il passaggio ad iliad meno di un’ora dopo la presentazione ufficiale (25/01). Sul sito inserisco il 4 febbraio come prima data utile per l’ appuntamento e ad oggi nessuno mi ha mai contattato nonostante ripetute segnalazioni

    Rispondi
  2. Sono entusiasta.
    Il 1/2 mattina ho sottoscritto il contratto fibra Iliad via web, il pomeriggio mi ha contattato Open Fiber per l’appuntamento, il 2/ 2 pomeriggio sono venuti i tecnici per l’installazione della fibra e subito dopo ero collegato alla fibra che è davvero velocissima (prima avevo l’ADSL). La migrazione del numero di telefono fisso si è conclusa il 16/2. Che dire. Altro che alta velocità.
    Complimenti a Iliad e Open Fiber.

    Rispondi
  3. Io ho sottoscritto il 25/01/2022,
    Il 01/02/2022 già attivo e funzionante.
    Molto imbarazzante per quanto è stato veloce e semplice.
    Nemmeno il tempo di lamentarmi mi hanno dato🤣

    Rispondi

Lascia un commento

Enable Notifications    OK No thanks