Home » Ambienti digitali » La truffa del mini frigo Birra Peroni. Ecco come colpiscono

La truffa del mini frigo Birra Peroni. Ecco come colpiscono

Le truffe su Whatsapp sono all’ordine del giorno. Ci sono individui che si spacciano per conoscenti, scrivendo di trovarsi in difficoltà economiche e altro ancora. In questo post, vogliamo segnalarvi un inganno che in questi giorni sta nuovamente facendo capolino sulla popolare app di messaggistica istantanea: la truffa del concorso Peroni riportata pochi minuti fa anche su CanaliWa. Vediamo di cosa si tratta e offriamo alcuni consigli su come proteggersi.

Il concorso con il mini frigo come premio

La truffa del concorso Peroni, che propone come premio un mini frigo, è di nuovo in circolazione su WhatsApp. Questa truffa, già diffusa a marzo 2023 durante la festa del papà, sta ingannando molti utenti.
Consiste in un messaggio che promette un mini frigo Peroni come premio di un concorso, accompagnato da un link che conduce a un falso sondaggio. Al completamento del sondaggio, viene richiesto all’utente un piccolo pagamento per la consegna del premio. Questo è però il momento in cui si consuma l’inganno: i dati sensibili della carta di credito dell’utente vengono acquisiti dai truffatori.

La truffa è particolarmente insidiosa in quanto i messaggi sono redatti accuratamente e senza errori grammaticali, elemento che potrebbe indurre anche gli utenti più esperti a cadere nel tranello. Inoltre, i truffatori sfruttano l’urgenza di effettuare il pagamento e di ricevere il premio per accelerare il processo di pagamento delle commissioni e di divulgazione dei dati personali.

Consigli per mantenersi al sicuro

Per proteggersi da questa truffa, è importante seguire alcuni suggerimenti. Prima di tutto, se ricevete un messaggio relativo a un concorso al quale non avete partecipato, è molto probabile che si tratti di una truffa. Può sembrare un consiglio banale, ma fidatevi, non lo è. Inoltre, se l’URL nel messaggio non è quello ufficiale del promotore del concorso e se inizia con “http” invece di “https”, è meglio evitare di cliccare. Infine, le aziende serie non richiederanno mai i vostri dati personali al di fuori della loro piattaforma ufficiale.

Birra Peroni ha rilasciato un comunicato per chiarire che il concorso è una bufala e che l’azienda non è in alcun modo associata a questa iniziativa. Peroni ha anche fornito i link alle sue pagine ufficiali, invitando gli utenti a diffidare da qualsiasi informazione o iniziativa legate al suo marchio e ai suoi prodotti pubblicate su canali non ufficiali.

Quindi, fate attenzione e siate prudenti quando ricevete messaggi che promettono premi o vincite. Ricordate sempre di verificare le informazioni e di non rivelare mai i vostri dati personali e, soprattutto, bancari.


Foto dell'autore
Simone Pifferi. Copywriter freelance, può scrivere su tutto ma le sue passioni riguardano la comunicazione, il web marketing, il settore telco e l'editoria. Dopo la formazione umanistica si appassiona alla SEO, al web design e allo sviluppo di siti web. Attualmente collabora come copywriter con diverse web agency e blog di settore. Simone Pifferi su Linkedin

Lascia un commento