Disattivare servizi a pagamento con 3
La nostra guida facile facile per evitare fregature con 3 Italia. Ecco come disattivare tutti i servizi a pagamento con Tre.

Disattivare i servizi a pagamento con 3 Italia. In questa facile guida, cercheremo di spiegarvi come cancellare tutti quei servizi che con il gestore Tre prevedono antipatici costi extra. Ecco come eliminarvi dai servizi in abbonamento e come disattivare la Segreteria Telefonica di 3 e il servizio Ti Ho Cercato.

 

Attivazione del Barring con 3 Italia

Come disattivare servizi a sovrapprezzo con 3 Italia

Come attivare il barring con 3 e come disattivare tutti i costosi servizi extra a pagamento. Oggi su UpGo.news parleremo di come disattivare gli antipatici e costosissimi abbonamenti, in caso il nostro operatore fosse 3 Italia. Iniziamo subito col dire che questo gestore è probabilmente quello più affetto dal problemi dei costi a sorpresa, dovuti ad abbonamenti a servizi di intrattenimento in realtà non richiesti. Esiste però, in aiuto dei consumatori, il servizio barring, reso obbligatorio dalla normativa italiana, che previene l’ attivazione di servizi utili solo a prosciugare il credito telefonico. Vediamo come fare.

Già da qualche anno l’ Antitrust è intervenuta multando alcune compagnie telefoniche per il loro comportamento nei confronti dei clienti e in generale per tutelare maggiormente i consumatori dalle insidie dovute alla sottoscrizione involontaria di un abbonamento o contratto che preveda servizi a pagamento che il cliente non ha esplicitamente richiesto.

Si è resa necessaria, quindi, da parte di tutte le compagnie telefoniche che operano in Italia la pubblicazione di una informativa sulle modalità di disattivazione dei servizi a sovrapprezzo. Con l’ incremento dei servizi di intrattenimento, la nostra navigazione soprattutto da smartphone, ha reso tutti più vulnerabili. Spesso capita di cliccare involontariamente su un banner che attiva in automatico servizi che non avevamo richiesto facendo aumentare e di molto la spesa della nostra sim.

Come si attiva il blocco ai servizi a pagamento di 3?

Nulla di più semplice basta chiamare il numero gratuito 133 e richiedere l’ attivazione del servizio di “barring” . Per disattivarlo, andrà eseguita la stessa operazione.

Altro caso in cui bisogna prestare attenzione è il passaggio da altro operatore mobile verso la 3. Spesso questo passaggio prevede l’ attivazione di alcuni servizi in automatico come:
Il roaming dati,
La segreteria telefonica
Il servizio “Ti Ho Cercato”

E’ possibile monitorare costantemente lo stato dei servizi in abbonamento di 3, attraverso l’ Area Clienti 3. Sia da web che da applicazione sono disponibili appositi menù per verificare lo stato degli abbonamenti eventualmente attivi. Sempre dall’ Area Clienti è possibile richiedere l’ attivazione immediata del servizio barring di 3 che permette quindi di proteggersi definitivamente dai costi extra dovuti ad abbonamenti a servizi di intrattenimento. Nella maggior parte dei casi, si tratta di servizi attivati involontariamente dal cliente. In caso abbiate già avuto addebiti dovuti a questa tipologia di servizi, vi consigliamo di contattare direttamente 3 Italia e chiedere il rimborso e, dopo eventuale risposta negativa, attivare la procedura di conciliazione presso il Corecom.

Disattivazione del roaming dati Tre

Con 3 Italia il roaming dati nazionale con TIM non esiste più. Si tratta di un servizio aggiuntivo precedentemente attivo utile ad estendere la ridotta copertura di 3. A seguito della fusione Wind Tre, la copertura di Tre è estesa al pari di quella di Wind. E quindi non esiste più alcun servizio di roaming nazionale a pagamento.

Resta comunque utile disattivare il roaming dati di Tre qualora ci si trovasse all’ estero, fuori dall’ Unione Europea. Nei territori UE è infatti applicata la tariffazione speciale del Roaming Like at Home. Quindi, anche nei paesi UE, la navigazione internet con 3 Italia non ha costi aggiuntivi.

Restano quindi dei costi extra per i viaggi fuori dall’ Unione Europea. Per evitare questo costi aggiuntivi è necessario disabilitare il roaming dati andando nelle ‘Impostazioni’ del proprio smartphone o tablet e nel menu Reti Mobili e togliendo la spunta dalla voce ‘Roaming Dati’.

Disattivazione del servizio Ti Ho Cercato di Tre

Per disattivare questo servizio occorre comporre dal proprio smartphone questo numero 112 preceduto da un asterisco e seguito dal simbolo “cancelletto”. Così: *112#, e premere il pulsante per avviare la chiamata.

Dopo un paio di secondi, si riceve un sms di notifica il servizio X è stato disabilitato. In alcuni casi potrebbe essere necessario ripetere l’operazione.

Per verificare se questo servizio è attivo o meno, è sufficiente digitare la stringa *113#. Qualora fosse necessario riattivare il servizio, lo si può fare digitando la stringa *111#. Abbiamo scritto anche una guida su come avere il servizio Ti Ho Cercato gratis grazie a Telegram.

Disattivazione della segreteria telefonica Tre

Nell’ attivare una nuova SIM Tre anche la segreteria telefonica sarà già attiva di default. E’ il servizio che serve ad avvisare il cliente quando qualcuno lascia un messaggio vocale oppure quando si è occupati, irraggiungibili o non si può rispondere alla chiamata. La consultazione dei messaggi in segreteria, ha un costo di 20 centesimi a chiamata (dall’Italia), indipendentemente dalla durata dell’ascolto.

Questo servizio avvisa il cliente con un messaggio gratuito tutte le volte che qualcuno lascia un messaggio vocale quando si è occupati, irraggiungibili o non si può rispondere alla chiamata. Ricordiamo ancora che disattivare la segreteria di 3 se non la si desidera è sempre necessario, perché già pre-impostata su ogni nuova linea 3 Italia.

Inserendo la stringa ##002# e dando la conferma sarà possibile disabilitare la segreteria.
Infine segnaliamo che è possibile conoscere e gestire diverse informazioni come: il credito residuo, la soglia dei minuti, SMS e dati e molto altro scaricando gratuitamente l’ Applicazione Area Clienti 3 da Google Play, App Store per iPhone e Windows Store per Windows 8-10.

I pericoli delle finestre popup durante la navigazione su internet

Esempio di finestra popup
Un esempio di finestra con apertura pop up spesso utilizzata per l’ attivazione automatica di servizi a pagamento.

Smanettando con i nostri smartphone sarà capitato a tanti di vedersi sottrarre del credito telefonico apparentemente senza motivo per poi scoprire che abbiamo attivato qualche servizio telefonico di cui ignoravamo l’esistenza o magari l’avevamo consapevolmente attivato in prova, senza ricordarci che, terminata la prova gratuita, senza un nostro intervento, il servizio si sarebbe rinnovato a pagamento.

A volte sono cose che capitano anche per colpa della furbizia di aziende più o meno truffaldine che tramite un banner pubblicitario sul web o un messaggio ingannevole letto in maniera distratta, ci costringono a pagare abbonamenti indesiderati. Generalmente, i servizi attivati involontariamente dagli utenti di telefonia riguardano il classico meteo oppure l’oroscopo. Ma in questo periodo vanno per la maggiore anche servizi di notizie  relative alla finanza, lo sport oppure giochetti per smartphone.

Fate molta attenzione, durante la vostra navigazione sul web a cliccare accidentalmente su un banner pubblicitario. Il campanello d’allarme di pubblicità potenzialmente fraudolente sono i cosiddetti pop-up che generano una seconda finestra di navigazione. Alcune di queste finestre sono in grado di attivare autonomamente una nuova richiesta di abbonamento ad un servizio “premium”.

Se vi capita di cliccare e vedere aprirsi una finestra sopra o sotto (in questo caso parliamo di pop-under) la vostra finestra principale, provvedete immediatamente alla chiusura del browser.

Esiste anzitutto il cosiddetto buon senso che è sempre la medicina migliore in questi casi. Quindi rendersi più attenti e consapevoli dell’uso che facciamo del nostro device a cui tanto siamo affezionati così come delle app che scarichiamo. Le app sono migliaia e migliaia ma non tutte sono sicure e certificate e oltre ai servizi telefonici non richiesti possono anche infettarci il telefono con virus o peggio accedere direttamente ai nostri dati personali.

Il nostro consiglio è di scaricare esclusivamente app presenti negli store ufficiali di Android (PlayStore) e Apple (AppStore). Mai scaricare applicazioni dal browser web perché potenzialmente possono contenere virus capaci di attivare servizi sms a pagamento.

Come già detto è sempre consigliato difendersi tramite il Barring sms, un servizio messo a disposizione dagli stessi operatori telefonici, seppure ognuno con la propria modalità, attraverso cui richiedere il blocco di invio di sms premium (quindi con pagamenti maggiorati rispetto ai normali messaggini).

Barring Sms. Riepilogo delle modalità di attivazione dei vari operatori telefonici

Ecco come fare per richiedere il Barring tramite il proprio operatore telefonico:

  • Tim: visita il sito, oppure puoi chiamare il 119 e richiedere all’operatore di mettere il numero in black list.
  • Vodafone: puoi chiamare il 190 e chiedere all’operatore l’attivazione del barring sms, puoi anche andare sul sito dell’operatore.
  • Wind: contatta il 155 e richiedi il blocco dei servizi a sovrapprezzo (può essere totale, cioè chiamate a numerazione 899, 166 e sms, oppure soltanto il blocco parziale di uno dei due) oppure visita la sezione del sito.
  • H3g (3): chiama il 133 e richiedi l’attivazione del servizio barring sms oppure vai nella sezione dedicata del sito.
  • Postemobile: invia il modulo che trovi sul sito via fax o via posta tradizionale, richiedendo il blocco dei servizi a sovrapprezzo.

L’unico inconveniente del servizio di barring sms è quello di bloccare anche sms di servizio attivati volontariamente, come quelli inviati dalla banca per notificare l’utilizzo della carta di credito.

Ultima dritta: consultate spesso il vostro credito telefonico, in caso di addebiti strani contattate il vostro operatore telefonico per avere maggiori notizie e eventualmente agire di conseguenza.

SHARE

Lascia un tuo commento