Ormai Wind Tre è cosa fatta. Vediamo la nuova copertura di Wind Tre, la joint venture nata dall’ unione di Wind e H3G. Quale sarà, a pieno regime, la portata della nuova rete unica Wind Tre? Dal roaming nazionale (che non è e non sarà reciproco) alla rete unica nazionale.

In questo nostro speciale, diviso in diversi capitoli, cercheremo di raccontarvi quali saranno i vantaggi della nuova copertura Wind Tre per i clienti delle due compagnie.

Perché Wind e Tre si sono unite?

La fusione tra i due operatori Wind e 3 è, come abbiamo già avuto modo di raccontare nel nostro speciale dedicato, dovuta squisitamente a ragioni economiche. Wind affossata dai debiti e 3 in affanno sugli investimenti e con pochi utili, hanno scelto di unire le forze per creare sinergia. C’ è un grosso gap da recuperare sul 4G e gli investimenti per il futuro 5G saranno enormi. A livello di copertura, che è forse la cosa che più interessa gli utenti, questo matrimonio porta immancabilmente ad un miglioramento del servizio. Le antenne di Wind e di 3, sparse nel territorio italiano, andranno infatti a formare un’ unica grande rete. Un processo che durerà mesi perché bisognerà integrare i due network e cedere le antenne in eccesso al nuovo operatore italiano Iliad. Alla fine del processo, come vedremo più avanti in questo speciale, tutte le antenne della nuova compagnia saranno riconvertite al codice operatore 222-88, ovvero quello storico di Wind.

Copertura Wind Tre
Il nostro Speciale interamente dedicato alla Copertura di Wind Tre del territorio nazionale.

Quale sarà la copertura della nuova rete unica Wind Tre?

L’ attuale situazione è grossomodo questa. I due big Tim e Vodafone hanno circa 17 mila antenne ciascuno. Possiamo identificare in questo, il numero sufficiente per avere una copertura ottimale del territorio italiano.

Wind ha ad oggi circa 15 mila antenne, quindi è un po’ indietro rispetto ai primi due. Tre ne ha 11 mila. La somma dà circa 26 mila antenne dalle quali però vanno sottratte circa 5000 che andranno in dote a Iliad Telecom (nota in Francia come Free Mobile), così come concordato con l’ autorità europea alla concorrenza.

Anche con questa sottrazione, le due compagnie confluite in una, godranno comunque di circa 20-21 mila antenne. Una quota superiore ai due principali competitor, Tim e Vodafone.

E’ un dato approssimativo e per sua natura inesatto. La reale copertura del territorio è infatti influenzata anche dalle tecnologie e dalle bande di frequenza utilizzate, oltre che ovviamente dalla saturazione delle singole BTS o Node B. Diciamo che serviranno alcuni mesi per ottimizzare questo enorme network ma allo stato attuale possiamo dire che la futura copertura di Wind e 3 non avrà assolutamente nulla da invidiare alle due compagnie più vecchie e da anni leader di mercato. E sarà per la prima volta nella storia, progettata da un unico vendor: ZTE.

La copertura attuale di Wind e 3

L’ attuale situazione vede la netta superiorità, in termini di copertura del territorio, di Wind rispetto a 3. Il gestore arancio infatti, ha il vantaggio di essere partito anni prima ma soprattutto fruisce di una licenza GSM, la vecchia tecnologia 2G ormai superata ma che tuttora garantisce una copertura più estesa del territorio italiano. Wind venne inizialmente autorizzata ad utilizzare il 1800 in GSM per poi acquisire anche le bande 900. 3 Italia è invece stata costretta ad utilizzare da subito la sola tecnologia 3G partendo evidentemente già svantaggiata. Ora si fonderanno creando però, con tutta probabilità, la migliore rete mobile italiana.

Wind Tre. I codici rete 222-88 e 222-99

Allo stato attuale (e ancora per poco) Wind e 3 sono reti distinte e quindi utilizzano codici operatori diversi. Così nei primi mesi, la rete sarà comunque composta da due network separati. Alcune antenne 222-99 saranno man mano riconvertite al codice 222-88. Tecnicamente quindi, gli utenti di 3 Italia avranno sempre meno copertura della rete di “casa” e faranno sempre più affidamento sulla rete 222-88, quindi Wind, tramite roaming. Si tratta comunque solo di un mero aspetto tecnico. Perché la rete 222-88 è in mano alla joint venture e costituirà il codice operatore principale della nuova rete unica.

Un unico codice operatore rende necessario che ogni BTS e che ogni NODE B vengano aggiornati e riprogrammati. Un’ operazione colossale che sarà svolta da ZTE ed impiegherà circa due anni di lavori.

Fino a che saranno operative due reti separate, i clienti subiranno immancabilmente la caduta della telefonata nel passaggio da una rete all’ altra, problematica superabile utilizzando un singolo codice operatore.

Per il momento comunque, appare evidente dalla nostra analisi, che Wind 3, la nuova joint venture delle telecomunicazioni italiane, grazie alle tante antenne accesse e all’ ottimo bouquet di frequenze,  si imporrà come il gestore telefonico italiano con la copertura migliore. Superando finalmente il gap per anni sofferto nei confronti di Vodafone e Tim.

3 in roaming su Wind

Da maggio 2017 gli utenti 3 Italia possono utilizzare la rete Wind (222-88) in roaming nazionale. Per fruire di internet sotto copertura Wind è necessario attivare il “roaming dati” sul proprio smartphone. I clienti 3 Italia hanno ovviamente stessa priorità di accesso dei clienti Wind. Tecnicamente però, con il progressivo spegnimento delle antenne 3 (222-99) e la parziale cessione di quest’ ultime a Iliad, le sim 3 Italia si comporteranno un po’ come un gestore virtuale. In roaming perenne su una rete diversa da quella domestica. Per maggiori informazioni su questo punto, vi invitiamo a leggere il nostro speciale sul nuovo roaming nazionale Wind.

Il servizio 4G-LTE di Wind per i clienti 3 Italia parte dopo, entro l’ estate 2017. Inizialmente i clienti 3 hanno potuto fruire del solo roaming 2G e 3G su rete Wind.

Il roaming TIM per i clienti 3 Italia

Il roaming TIM sarà spento entro agosto 2017. I clienti di 3 Italia hanno usufruito del roaming con la TIM fino agli esordi della compagnia telefonica. Ma con delle limitazioni che negli anni sono diventate insopportabili. Per la maggior parte delle tariffe e delle opzioni 3 Italia, il roaming su TIM è sempre stato a pagamento. E limitato alla sola connessione 2G, con la velocità massima garantita quindi dalla tecnologia Edge. In molte zone quindi, il cliente 3 poteva chiamare e scrivere messaggi, sfruttando la rete di TIM ma non poteva navigare liberamente. Uno svantaggio non da poco e che sarà completamente superato con il roaming con Wind, che sarà completo dei network 3G e 4G. Per maggiori informazioni, leggi il post sulla fine del roaming TIM.

Per i clienti 3 sarà quindi un netto miglioramento, in termini di copertura del territorio (per quanto riguarda le prestazioni della rete è invece ancora tutto da vedere). E anche gli utenti Wind prenderanno in dote una buona parte delle frequenze e delle antenne ex 3.