Home » Blog Telefonia » Fibra » FiberCop, come verificare se si è coperti. Aggiornamento 20 gennaio 2023

FiberCop, come verificare se si è coperti. Aggiornamento 20 gennaio 2023

Aggiorniamo il nostro post oggi 20 gennaio 2023. Come abbiamo appreso ad oggi la rete Vodafone su FiberCop non è ancora in vendita online e quindi eliminiamo il link di verifica copertura, a questo punto totalmente inutile. Ed eccoci che finalmente, dopo mesi di attesa, è arrivato il momento tanto atteso: Iliad ha ufficialmente annunciato l’entrata sulla rete FiberCop, a poche ore di distanza da Vodafone. Siamo sicuri che molti di voi si staranno chiedendo: “ma come faccio a sapere se anche la mia zona è coperta da FiberCop?” Beh, siamo qui per aiutarvi in questa ricerca. La soluzione più semplice è utilizzare il tool online messo a disposizione dal sito di FiberCop. Basterà inserire il proprio indirizzo completo, incluso il numero civico, per sapere se siete coperti o se almeno rientrate nei piani di espansione dell’azienda. Tenete presente che FiberCop è una rete complementare a quella di Open Fiber, quindi anche se non risultate coperti direttamente da FiberCop, potreste comunque rientrare nei piani di Open Fiber. Dopo la verifica copertura FiberCop, dovete procedere al check con i singoli operatori.

Ora da qui sotto dove fare la verifica copertura con i vari operatori, perché non è detto che se avete copertura FiberCop l’avete anche con i diversi gestori. Aruba ad esempio ha la maggiore copertura, coprendo anche in tecnologia FTTC. Come spiegato ieri invece Vodafone sempre riservare per il momento FiberCop a soli pochi comuni, peraltro privilegiando la vendita tramite negozi che per il momento attiva in esclusiva la fibra di Vodafone su FiberCop. Iliad ha invece da poche ore aggiornato il proprio database:

FiberCop è un’azienda nata nel 2017, fondata da TIM (58%), Fastweb (4,5%) e il fondo statunitense KKR (37,5%). Il loro obiettivo è distribuire reti a fibra ottica (FTTH) in 2578 comuni italiani entro metà 2026, coprendo così l’80% delle unità abitative del Paese. FiberCop non offre servizi direttamente ai clienti finali, ma agisce come operatore all’ingrosso (wholesale). Per attivare una linea sulla sua rete, è necessario rivolgersi a uno dei suoi operatori al dettaglio, che a loro volta possono acquistare la rete attraverso TIM. Le reti FTTH sono costruite con la tecnologia GPON, che consente di raggiungere velocità di 1 gigabit al secondo in download e centinaia di megabit al secondo in upload, a seconda dell’offerta del provider.

2 commenti su “FiberCop, come verificare se si è coperti. Aggiornamento 20 gennaio 2023”

  1. io sono passato da quasi 2 anni e gia da almeno un altro l altra compagnia che finanziava assieme a fastweb di cablare fibra mi offriva il passaggio a ftth ; non ho idea della ragione; Siamo in tanti nella medesima situazione…
    Situazione sopratutto non trasparante di fatto, senza possibilità di avere una previsione temporale ( ne anni fa ne ad oggi di quando e se sarà mai fattibile tale passaggio… )

    Rispondi
  2. Salve, ho attiva una utenza di casa con una connessione internet di fastweb in fibra misto rame. In data 19 luglio 2022 fibercop ha ultimato l’installazione e relativo collaudo della fibra ottica ftth presso il mio condominio. Ancora oggi 23 gennaio 2023 la suddetta compagnia telefonica non permette il passaggio alla tecnologia superiore senza ancora sapere il perché. Tutti gli altri operatori come Tim, Aruba, Poste, Go internet, Tiscali ecc già lo permettono e fastweb, pur avendo finanziato il progetto di cablatatura di Fibercop ancora no. Ritengo assurda questa situazione dopo ben 6 mesi dalla fine dei lavori non dare la possibilità ai propri clienti di fare l’upgrade alla fibra ottica. Non capisco questa estrema lentezza nell’aggiornamento dei propri sistemi. Mi è capitato la stessa cosa anche per l’attivazione del 5G di fastweb sulla mia sim ho dovuto aspettare anche lì 5 mesi. Nel mio condominio sono rimasto solo io con quel tipo di connessione tutti gli altri sono passati alla fibra ottica con il loro operatore o chi era con fastweb all’operatore telefonico che te lo ha permesso. Stanno perdendo un sacco di clienti per la loro estrema lentezza ad aggiornare i sistemi. Probabilmente dopo le festività se non cambierà nulla, anche io sarò costretto ad abbandonarli. Sono totalmente deluso di fastweb e di questo assurdo comportamento senza darti una tempistica e una giustificazione plausibile.

    Rispondi

Lascia un commento