Home » Breaking News » Iliad arriva prima di tutti. L’operatore Iliad al 21% sulle MNP

Iliad arriva prima di tutti. L’operatore Iliad al 21% sulle MNP

Iliad scacco matto

Arriva fresco fresco il nuovo report dell’AGCOM che ogni trimestre ufficializza i risultati degli operatori telefonici. Vera grande sorpresa di questa edizione del report, che copre l’ultimo trimestre del 2019, è il boom di Iliad. Per la prima volta nella storia, l’operatore è leader assoluto nella quota di mercato di linee in ingresso. Spiegato in soldoni significa che, la maggior parte delle persone che hanno effettuato portabilità negli ultimi 3 mesi del 2019 lo hanno fatto verso Iliad.

Una maggioranza relativa ovviamente. Che rappresenta circa il 21%. Una posizione che rende il quarto operatore leader davanti a Tim, Vodafone e Wind Tre. Buone anche le prestazioni degli operatori virtuali che continuano comunque a giocarsela in un mercato fortemente di nicchia.

💣💣 ULTIME NOTIZIE: Nuova offerta attivabile entro questo weekend, a 4,99 euro… clicca qui…

Il dato di Iliad è importante ma può comunque essere letto in maniera bivalente. Perché se è vero che i francesi hanno tenuto banco accogliendo tantissimi nuovi clienti, sono parecchi anche quelli che sono usciti. Dato fisiologico? Possibile. Comunque il bilancio tra uscite ed entrate è molto positivo, con circa 2 milioni di clienti effettivamente acquisiti.

Ora serviranno i dati ufficiali della compagnia ma è praticamente certo che ormai si siano ampiamente superati i 5 milioni di consumatori attivi con sim Iliad.

Ad oggi la quota di mercato effettiva detenuta da Iliad e certificata dall’autorità AGCOM è del 4,4%. Ricordiamo che il goal dell’operatore per l’avventura italiana, era inizialmente del 10%. La compagnia si trova quindi, a circa un anno mezzo dall’esordio, già a meta strada rispetto agli ambiziosi obiettivi prefissati.

Wind Tre resta leader

Resta leader del mercato Wind Tre (se prendiamo in considerazioni solo le sim umane, ovvero quelle non utilizzate in apparecchi elettronici). Wind Tre è quindi ancora il primo operatore mobile del Paese. Più del 30% delle sim in circolazione appartengono ai due brand Wind e 3 Italia.

Non molto distanti e in costante perdita Tim, con il 27,4% e Vodafone con il 25,1%.

Successo per Ho e Kena

AGCOM comunica solamente il dato cumulativo di Kena e Ho Mobile, non inserendoli nel market degli MVNO (in parte giustamente). Il dato registrato da questi due brand non è male: 2,6 milioni i clienti complessivi anche se fra i due, a farla da padrone è certamente Ho Mobile, in questa fase, vero antagonista di Iliad.

Crescono comunque complessivamente tutti i virtuali. L’intero segmento è tornato a macinare numeri positivi.

E ora che succede?

La situazione con tutta probabilità continuerà ad essere a vantaggio di Iliad anche nei prossimi mesi. L’interesse nei confronti della nuova compagnia è ai massimi livelli. Ma come chi ci segue qui su UpGo.news sa bene, presto potrebbe irrompere nella scena anche una nuova variabile.

Stiamo parlando della nuova Wind Tre della quale ormai da tempo scriviamo sulle nostre pagine. Da diversi indizi infatti è possibile ipotizzare che febbraio sia il mese della grande rivoluzione dei brand, anzi del singolo unico brand. A quanto pare infatti, in Wind Tre starebbero pensando di rilanciarsi, approfittando della nuova rete unica ormai ultimata, unificando totalmente il marchio.

E non è da escludere che Wind Tre scelga di lanciare un brand completamente nuovo, proprio per cavalcare l’effetto novità che è sempre positivo per le vendite.

Continuate a seguirci perché siamo convinti che nei prossimi giorni saremo di grado di rivelarvi maggiori dettagli circa questo progetto. Potete seguirci sul Canale Telegram UpGo.news e sull’applicazione gratuita disponibile sul Google Play Store.

4 commenti su “Iliad arriva prima di tutti. L’operatore Iliad al 21% sulle MNP”

  1. La Wind – Tre potranno anche uscire con offerte mirabolanti ma, per ciò che mi riguarda, rimarrò con Iliad.
    Ho fatto il “giro dell’oca” con i cambi di operatori, sino ad Iliad. (Sono approdata a lei dopo una quindicina di giorni della sua venuta)

    Dovendo fare un bilancio, dopo un anno e mezzo, dico che mi trovo bene.
    A livello di stabilità di “segnale” ovunque sia andata mai avuto problemi, solo in un luogo e lì anche la Tim non era chissà che, anzi ,però occorre considerare essendo, Iliad, giovane in Italia ci sta, è normale.

    E in ultimo, non per importanza, la correttezza come azienda; non mi ha deluso come le altre, quello che pubblicizza/dice/scrive è.
    Già solo per questo merita la “fedeltà”.

    Detto ciò, perché dovrei cambiare?!?!

    Ciao a tutti! 😃

    Rispondi
  2. Wind 3 resta leader relativo perchè il consumatore medio crede che risparmiando ha trovato l’uovo di colombo. Personalmente risparmiare (che non risparmi un tubo se non con la portabilità), per poi avere una rete che è quello che è, non mi serve e non butto i soldi, e allo stesso prezzo orientativo mi tengo e rimango su Vodafone che è una rete di eccellenza in 4G ovunque. Per me i soldi non si sprecano, si investono in qualità.

    Rispondi

Lascia un commento