Oggi torniamo a parlare di Digitel e dell’ MVNO SimPiù. Lo facciamo con un’ intervista esclusiva a Christian Curandai, direttore commerciale di Digitel Italia, al quale abbiamo fatto un po’ di domande sul futuro della compagnia telefonica Digitel e sui progetti dell’ mvno SimPiù.

Intervista Esclusiva
Intervista Esclusiva a Christian Curandai , direttore commerciale di Digitel Italia e del nuovo mvno SimPiù

L’ intervista è realizzata dalle redazioni di UpGo.news e Naxt.it, i nostri due news blog dedicati alle innovazioni e ai nuovi media digitali. L’ intervista segue il nostro post relativo alla nascita di SimPiù, un nuovo operatore virtuale operativo nel mercato italiano. Per capire meglio su cosa intende puntare questa compagnia e quali sono i progetti di sviluppo futuri, abbiamo deciso di incontrare Christian Curandai, per una chiacchierata.

Redazione UpGo.news e Naxt.it: Su UpGo.news seguiamo con molta attenzione il mercato degli MVNO e abbiamo, giorni fa, raccontato il vostro debutto. E sinceramente, le prime tariffe proposte non ci hanno troppo convinto. Può spiegarci come intendete aggredire il mercato italiano, uno dei più saturi al mondo?

Christian Curandai: Le tariffe che abbiamo proposto per il lancio rappresentano il primo approccio ad un mondo, quello del mobile, dove Digitel sta tastando il terreno prima di ampliare l’offerta, e si presenta quindi in punta di piedi. La nostra offerta aziendale è legata ad un mondo di servizi molto più ampio come  la telefonia fissa, la connettività, servizi di unified communication in cui SimPiù si incastra perfettamente nel concetto di offerta a 360°

Redazione UpGo.news e Naxt.it: Il caso BipMobile ha evidenziato qualche vizio di forma nel settore degli MVNO. Crede sia necessaria una normativa specifica per questo mercato ed è davvero possibile, oggi, fare margine come MVNO? 

Christian Curandai: Certamente la regolamentazione è un auspicio che riteniamo importante, come in passato è avvenuto per il mondo della telefonia fissa. Crediamo molto nel progetto SimPiù , come già anticipato il nostro margine deriva da un insieme di servizi che contribuiscono a creare ricchezza e quindi margini provenienti dai vari settori di attività.

Digitel Italia - SimPiù
La nuova Sim di SimPiù si appoggia alla rete Tim.

Redazione UpGo.news e Naxt.it: Come mai non siete direttamente partiti come Full Mvno visto che dopo sarete obbligati ad effettuare il noioso cambio sim?

Christian Curandai: La scelta di non partire sin da subito come Full MVNO fa parte di una strategia aziendale legata ad un piano industriale, fatto di passaggi ben precisi, condiviso dall’azienda

Redazione UpGo.news e Naxt.it: Gli MVNO sono molto apprezzati per le loro performance in termini di customer care. Come gestirete questo aspetto così importante (call center, social, app etc.)?  

Christian Curandai: Il customer care rappresenta un valore fondamentale per Digitel.  La possibilità per un cliente di poter parlare di persona con un operatore subito, senza dover navigare menù di IVR che sembrano non finire mai, è importante. Abbiamo quindi un call center dedicato dove nostri clienti ricevono un servizio personale e stiamo sviluppando una serie di piattaforme riservate ai clienti SimPiù con servizi specifici.

Redazione UpGo.news e Naxt.it: In Francia l’ arrivo di Free Mobile ha messo in difficoltà molti operatori virtuali. Temete anche voi che Free, prossima allo sbarco anche da noi, rosicchi il vostro mercato?  

Christian Curandai: La concorrenza sul mercato Italiano è già molto agguerrita ed il punto di partenza per qualsiasi nuovo operatore è molto diverso rispetto alla situazione competitiva francese quando entrò Free Mobile. Non ci spaventa l’entrata sul mercato di un nuovo competitor, abbiamo grandi aspettative dalla nostra offerta convergente fisso e mobile. Confidiamo naturalmente che l’auspicata regolamentazione consentirà a tutti gli player di mercato di operare in condizioni che favoriscono lo sviluppo del mercato.

Redazione UpGo.news e Naxt.it: Che obiettivi avete in termini di abbonati?

Christian Curandai: L’obiettivo è quello di acquisire quella parte di mercato interessata a servizi a 360° completi offerti da parte di un unico operatore , come ad esempio le soluzioni in convergenza che abbiamo in cantiere.

Redazione UpGo.news e Naxt.it: Ringraziamo Christian per il tempo che ci ha concesso. Continuate a seguire il nostro flusso quotidiano di notizie e approfondimenti su www.upgo.news e www.naxt.it. Alla prossima.

Intervista realizzata in collaborazione con l’ Ufficio stampa Newscast – www.newscast.it