Intervista

Già alcuni giorni fa, fummo i primi a individuare sul web le prime tracce di un nuovo gestore mvno. Un nuovo soggetto dal nome assolutamente bizzarro: JuveMobile. E che nella sua comunicazione, strizzava evidentemente l’occhio ai tifosi della Juventus. Sta per nascere la compagnia telefonica bianco-nera? Ecco, abbiamo fatto un po’ di ricerche, incuriositi da questa iniziativa e alla fine siamo riusciti ad intervistare l’eclettico imprenditore che sta portando avanti questa impresa. Si tratta di Greco Stevees Storys che nella vita ha fondato diverse piccole aziende.

Ora, assieme al suo socio, ha l’ intenzione di lanciare il gestore telefonico degli juventini. Ha presentato regolarmente il suo marchio agli uffici competenti e ora, dice, vuole fare valere i propri diritti anche a costo di lottare contro il gigante FC Juventus. Partiranno veramente? Ce la faranno?

Il nuovo MVNO, secondo Greco, nascerà entro l’estate. Ed è tutto da vedere se Davide ce la farà a sconfiggere Golia. Ecco l’ intervista esclusiva rilasciata al team di UpGo.news. Vi ricordiamo che la riproduzione dell’intervista è consentita a patto che si citi come fonte originale UpGo.news.

Passiamo subito alla chiacchierata con Greco Stevees Storys, fondatore di JuveMobile…

Gestore MVNO Juve Mobile

Che cosa è JuveMobile e come nasce l’ idea?

Greco: JuveMobile è una nuova compagnia telefonica che si rivolge ad un mercato di 13 milioni di tifosi. Nel 2016 ho pensato: come è possibile che nessuno ha mai associato ad una compagnia telefonica una squadra di calcio? L’ idea è costruire un punto di riferimento unico per i tifosi e gli appassionati. Io sono un grande tifoso della Juventus e questa nuova iniziativa è per me fonte di orgoglio. Con le tariffe vogliamo essere giusti e trasparenti. Avevamo ad esempio già l’ idea di fare il ciclo di fatturazione a 30 giorni. Ma ormai, per fortuna, è legge per tutti. Parlando con il mio socio in questa avventura, abbiamo iniziato a coinvolgere altre professionalità per mettere in piedi tutto. Ora diciamo che siamo in dirittura d’ arrivo. JuveMobile sta per nascere.

In queste settimane abbiamo registrato regolarmente i marchi e messo in piedi una pagina web e una pagina Facebook tanto per iniziare a far parlare di noi. Voi che siete molto attenti infatti ci avete scoperto. E la nostra intenzione era proprio questa.

Non pensi di avere problemi con la società FC Juventus?

Greco: Inizialmente ho proposto la mia idea ai dirigenti della Juventus. Mi hanno risposto che non gli interessava e poi, mi hanno detto che siccome la Serie A è sponsorizzata da TIM non potevano per ragioni contrattuali avventurasi nella telefonia. Oltre al marchio JuveMobile stiamo registrando un altro marchio dedicato ai tifosi ma adesso non posso ancora parlarne. Negli store di JuveMobile sarà possibile acquistare sim, effettuare portabilità ma anche comprare i nostri prodotti. In tutti i campi, telefonia compresa, porteremo prodotti di qualità. Abbiamo già importanti accordi con produttori in Cina. Sono stato in Cina 94 volte. Quindi mi muovo in casa e posso lavorare da qui con partner importanti. Ovviamente sempre utilizzando i brand che abbiamo regolarmente depositato.

Quindi i rapporti con la Juventus sono chiusi?

Greco: No. I nostri avvocati sono in contatto. La Juventus è una grande società guidata da manager intelligenti. Credo che non vorranno farsi scappare l’opportunità. Per il momento l’ idea di una partnership resta aperta. Ma comunque crediamo nel nostro diritto di operare comunque con il marchio JuveMobile.

Sai che la vostra storia ci ricorda un po’ quella dei tipi di Napoli che hanno registrato il marchio “Steve Jobs” vincendo contro il gigante Apple. Siete anche voi dei Davide contro Golia?

Greco: Conosco la storia. Ma ce ne sono tantissime di vicende del genere. Se la società Juventus Football Club avesse voluto tutelare la propria presenza nel mondo della telefonia avrebbe dovuto registrare il marchio prima di noi.

Ma quando pensate di partire?

Greco: Prima arriveranno gli store. Diciamo tra marzo e aprile. Abbiamo già le offerte per i negozianti disponibili sul sito juvemobile.it. In estate lanceremo la compagnia telefonica con le prime offerte per il pubblico.

Per i negozianti abbiamo le varie formule franchising. Aprire lo store con il nostro brand costerà dai 5mila, per i micro, fino a 40mila euro per i negozi più grandi. Per assegnare i cap in via esclusiva faremo comunque delle aste online, visto che l’ interesse per aprire nuovi JuveMobile Store è tantissima.

E gli store venderanno sim e piani telefonici di JuveMobile…

Greco: Sì. Ma non solo. Avremo come detto i prodotti più disparati di merchandise. Dalle magliette alle tazze. Ma realizzeremo, sempre grazie ai nostri accordi con i produttori cinesi, anche smartphone e altri prodotti hi-tech a marchio JuveMobile. Avremo dai tablet ai power bank, passando per gli accessori. Tutto con il nostro brand e con un centro assistenza unico nazionale che probabilmente apriremo nelle prossime settimane a Milano.

Sarete quindi un MVNO? Qualche informazioni su come vi state muovendo sul fronte tecnologico? Utilizzerete un enabler?

Greco: Assolutamente non vogliamo utilizzare un enabler. Abbiamo capito che ridurrebbe troppo i nostri margini. Visti i nostri obiettivi e visto che siamo certi del successo di JuveMobile possiamo trattare direttamente con il gestore ospitante. Stiamo valutando attentamente le proposte di Vodafone per utilizzare la loro rete. Abbiamo visto le offerte all’ingrosso su forum specializzati. Ma ancora non ci sono trattative dirette in fase avanzata. Il mercato MVNO è il futuro. Per questo anche Vodafone e TIM hanno lanciato i loro virtuali o stanno per farlo. Poi ora arriva Iliad…

Vorreste diventare il primo MVNO di Iliad?

Greco: Perché no. Crediamo che Iliad possa offrire prezzi per noi molto interessanti. Ma come vi dicevo, sono accordi ancora da concludere. Probabilmente ce la faremo nelle prossime settimane.

Ma a quanti clienti puntate?

Greco: Abbiamo un bacino di 13 milioni di tifosi. Possiamo arrivare tranquillamente ad un milione di clienti. Solo così potremmo praticare ai nostri clienti prezzi molto onesti e avere margine di trattativa con il gestore ospitante.

Quindi nessuna indiscrezioni sulle future tariffe…

Greco: Ancora no. Ma certamente quando saremo pronti ne verremo a parlare qui su UpGo.news. Come detto puntiamo a tariffe molto convenienti. Poi offriremo per ogni ricarica da 20 euro dei gadget in omaggio e una volta al mese, è la nostra idea, selezioneremo un cliente al quale regalare un anno di credito omaggio. Insomma, avremmo ottime tariffe e tante iniziative per coinvolgere i nostri clienti.

Grazie del tempo dedicato e buona fortuna

Greco: Grazie a voi per lo spazio. Ci sentiremo presto.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here