Home » Blog Telefonia » Lo smartphone e il problema dell’obsolescenza percepita

Lo smartphone e il problema dell’obsolescenza percepita

Ah, l’eterna questione dell’obsolescenza programmata! Ammettilo, quante volte hai guardato il tuo smartphone pensando “Ma perché sei così lento oggi?” oppure ti sei ritrovato a guardare i video di Andrea Galeazzi sognando il prossimo modello, anche se il tuo attuale compagno digitale funziona ancora benissimo? Siamo tutti sulla stessa barca tecnologica, e oggi voglio parlarti di un argomento che ci tocca un po’ tutti: l’obsolescenza programmata degli smartphone.

Partiamo dal presupposto che, sì, il tuo smartphone non è diventato più lento per magia e no, non è una leggenda metropolitana. C’è una spiegazione ben precisa dietro a tutto ciò, ed è una strategia ben oleata dalle aziende produttrici. È come se il tuo telefono avesse un timer invisibile che, arrivato a un certo punto, inizia a darti segni di stanchezza. Ma perché accade? E soprattutto, cosa possiamo fare per navigare in queste acque tecnologiche senza affondare?

Primo punto dolente: gli aggiornamenti. Oh, sì, quelli che dovrebbero migliorare le prestazioni e la sicurezza del tuo dispositivo. Peccato che, in alcuni casi, sembrino più una maledizione che una benedizione, soprattutto per i modelli più datati. E non parliamo di teorie cospirazioniste: aziende del calibro di Apple e Samsung sono state multate proprio per questa pratica. L’intento è chiaro: spingerti a pensare “Ehi, forse è ora di un upgrade”.

L’Obsolescenza Percepita

Ma forse il nemico più grande è dentro di noi: l’obsolescenza percepita. Quel desiderio irrefrenabile di avere l’ultimo modello, anche quando il nostro smartphone attuale funziona ancora a meraviglia. È una lotta contro noi stessi, alimentata dalle strategie di marketing delle aziende.

Nonostante il quadro sembri desolante, ci sono spiragli di speranza. L’opinione pubblica è sempre più sensibile a queste tematiche, e il mercato dei dispositivi ricondizionati sta crescendo. È un segnale che le cose stanno cambiando, anche se lentamente.

Quindi, cosa possiamo fare noi, consumatori? Prima di tutto, informarci e scegliere con consapevolezza. Non lasciamoci accecare dall’ultimo modello sul mercato se il nostro attuale smartphone soddisfa ancora le nostre esigenze. E se si rompe? Consideriamo la riparazione come una valida alternativa all’acquisto. E voi, quanto tempo di vita concedete al vostro smartphone? Dopo quanto tempo lo cambiate?


Foto dell'autore
La redazione di UpGo.news è composta da un team di blogger, esperti e analisti appassionati. La squadra vanta delle figure fisse e di alcune collaborazioni esterne. Tutti i contenuti prodotti dal team di UpGo.news sono 100% originali e inediti.

1 commento su “Lo smartphone e il problema dell’obsolescenza percepita”

  1. Buongiorno, sono completamente d’accordo con quanto detto nell’articolo. La obsolescenza programmata riguarda praticamente tutti gli apparecchi e gli elettrodomestici.
    È una politica aziendale inquinante che, per prima, l’Europa dovrebbe affrontare e risolvere.

    Rispondi

Lascia un commento